Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Chiede foto agli alunni e li molesta, prof patteggia a Modena

Chiede foto agli alunni e li molesta, prof patteggia a Modena

Un anno e nove mesi con la sospensione condizionale

MODENA, 29 novembre 2023, 19:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Invitava gli alunni ad inviargli foto e video intimi in una chat. Non solo: in alcune occasioni li avrebbe anche molestati. Ha patteggiato la pena a un anno e nove mesi di reclusione, con la condizionale, un prof 60enne che insegnava in un istituto della provincia.
    Le accuse nei confronti del docente erano violenza sessuale e stalking: avrebbe infatti chiesto con insistenza gli scatti ad alcuni ragazzini. I fatti sono della primavera scorsa, quando alcuni dei ragazzi, tra i 17 e i 18 anni, si sono rivolti alla preside per raccontare quanto avveniva in classe. Subito sono scattate le indagini dei carabinieri e nei confronti dell'uomo era scattata la misura cautelare degli arresti domiciliari.
    Il professore si è giustificato spiegando di non aver alcuna intenzione di molestare i ragazzi ma di avere in realtà l'intenzione di creare un rapporto di fiducia con gli studenti.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza