CariPerugia Arte, pronti ad accogliere i visitatori

Prorogate fino al 3 ottobre 2021 le mostre dedicate a Raffaello

Redazione ANSA PERUGIA

(ANSA) - PERUGIA, 29 APR - L'Umbria riparte e riparte anche la cultura, con i musei e le mostre della Fondazione CariPerugia Arte pronti ad accogliere nuovamente i visitatori dopo mesi di chiusura imposti dalla pademia,. Dal primo maggio riapriranno a Perugia Palazzo Baldeschi con la mostra "Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia", a Gubbio le Logge dei Tiratoi della Lana con "Dal lustro all'istoriato: Raffaello e la nuova maiolica" e la Casa di Sant'Ubaldo.
    Tra le mostre che hanno ottenuto il riconoscimento del Comitato nazionale per le celebrazioni raffaellesche, "Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia", inaugurata a settembre 2020, torna ad essere accessibile al pubblico dal 1 maggio e fino al 3 ottobre 2021. A cura di Francesco Federico Mancini, con la regia della Fondazione CariPerugia Arte e il contributo della Soprintendenza Archivistica dell'Umbria e delle Marche e dell'Archivio di Stato di Perugia, una sezione della mostra riproduce attraverso sorprendenti effetti scenici e multimediali accompagnati da una voce narrante che le contestualizza dal punto di vista storico, tutte le dodici opere realizzate da Raffaello in Umbria. L'altra sezione della mostra, dal titolo "L'Accademia di Perugia e Raffaello: da Minardi e Wicar al Novecento", realizzata dall'Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci" di Perugia si articola in quattro parti tematiche e cronologiche che vogliono mostrare e dimostrare come, per tutto l'Ottocento, Perugia, grazie alla presenza di Tommaso Minardi, fu un epicentro insieme a Roma della corrente Purista e del ritorno all'arte di ispirazione religiosa.
    Restando in tema di suggestioni raffaellesche a Gubbio riaprono gli spazi delle Logge dei Tiratori della Lana dove sarà ancora possibile ammirare, fra l'altro, le splendide ceramiche che compongono il percorso "Dal lustro all'istoriato: Raffaello e la nuova maiolica".
    Sempre a Gubbio riapre anche la Casa di Sant'Ubaldo, con la sua ricca raccolta di immagini e ritratti che riproducono la figura canonica del santo patrono di Gubbio tratte da dipinti di grande pregio artistico. Nel rispetto delle distanze di sicurezza è necessaria la prenotazione. Biglietterie online sul sito www.fondazionecariperugiaarte.it. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie