Spirali di pesci e rane in fuga, ecco le foto più belle dell'evoluzione

Premiate dalla rivista Bmc, celebrano la biodiversità

Redazione ANSA

Pesci che disegnano spettacolari spirali, crostacei bizzarri, vespe cacciatrici e rane in fuga dai serpenti: sono questi alcuni dei protagonisti delle più belle immagini che raccontano la biodiversità, premiate per il 2021 dalla rivista BMC (Biomedcentral) nella competizione Ecology and Evolution Image. Tutte le foto celebrano la biodiversità terrestre e le sue origini evolutive, dal modo in cui le specie imparano e si sviluppano ai conflitti, dalle relazioni di collaborazione allo sfruttamento.


Una vespa originaria dell'Ecuador ha catturato un ragno (fonte: Roberto García-Roa)

La foto vincitrice è di Kristen Brown, dell'università della Pennsylvania, e ritrae una 'scuola' di pesci carango cavallo che si muovono in un'unica spirale nella barriera corallina australiana, nell'isola di Heron. "Rappresenta sia la bellezza e l'abbondanza nei nostri oceani, sia spirale della crisi che sta avviluppando l'ambiente marino", commenta il ricercatore. "Le barriere coralline con un'alta copertura di coralli e ricche di fauna, come quella dell'isola di Heron, stanno diventando sempre più rare. Senza uno sforzo concentrato per ridurre i gas serra e migliorare la qualità dell'acqua, rischiano di scomparire a breve", aggiunge.

Le foto sono classificatei in sei categorie (Biologia della conservazione, Biodiversità dello sviluppo evolutivo, Ecologia comportamentale, Evoluzione umana ed ecologia, Biologia dello sviluppo ecologico, Ecologia della popolazione e Scelta dell'editore).

Per l'Ecologia della popolazione è stata scelta l'immagine di Roberto Garcia-Roa, dell'università di Valencia, che mostra le termiti soldato migrare lungo una corda abbandonata in una foresta malese.


Migrazione di termiti soldato lungo una corda, per assicurare la sopravvivenza della colonia (fonte: Roberto García-Roa)

Nella Scelta dell'editore si può ammirare la rana gladiatorie gigante ripresa da Dimitri Ouboter, dell'istituto per gli studi sulla fauna selvatica neotropicale, mentre tenta di sfuggire all'attacco di un serpente saltando e gonfiandosi. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA