ANSAcom
ANSAcom

Manca (Pd), un fondo ad hoc per le terapie innovative

La proposta dell’Intergruppo innovazione sostenibile in sanità

Roma ANSAcom
“Le terapie geniche rappresentano una straordinaria opportunità per affermare il diritto universale alla salute. Ma per farlo richiedono misure nuove nel rapporto con la finanza pubblica perché si incontrano due diritti previsti nella costituzione: quello alla salute e quello al pareggio di bilancio”. È quanto afferma Daniele Manca, senatore Pd e promotore dell’Intergruppo parlamentare per l’innovazione sostenibile in sanità.
L’intergruppo è nato poche settimane fa con l’obiettivo di rispondere alle sfide che derivano dall’avvento delle terapie avanzate e di quelle digitali; in particolare alla necessità di coniugare l’innovazione con la sostenibilità garantendo allo stesso tempo il diritto dei cittadini di accedere ai trattamenti più innovativi.
“Le terapie geniche sono differenti dal resto dei farmaci attualmente disponibili. Perché - se la terapia raggiunge l’obiettivo prefissato, cioè la cura - un intervento di terapia geniche genera inevitabilmente la soluzione di un problema. Ciò produce una riduzione della spesa in termini sanitari. Ed è per questo che la terapia genica è un investimento”, dice Manca.
La crisi di Governo rischia di complicare le cose, ma non è detto che il percorso si fermi: “Nel caso in cui il Governo avesse continuato il suo lavoro, avremmo tentato di affermare questo principio, in via sperimentale e con un perimetro certo della spesa, iniziando con un fondo da 50 milioni per arrivare a 250 nel quadriennio. Poi sarebbe stata comunque la prossima legislatura ad affrontare nel dettaglio le modalità di intervento”. Un provvedimento del genere, secondo Manca, “sarebbe una novità importante anche nella dimensione europea: l’Italia sarebbe il primo Paese che si avvia verso riclassificazione di una parte della spesa farmaceutica - limitata a farmaci particolari, come la terapia genica - contrassegnandola come investimento”, conclude.

In collaborazione con:
Osservatorio Malattie Rare

Archiviato in


Modifica consenso Cookie