Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Alessandra Mussolini, Dino Risi mi chiese di cambiare cognome

Alessandra Mussolini, Dino Risi mi chiese di cambiare cognome

A Storie di donne al bivio dopo aggressione subita a Strasburgo

ROMA, 29 febbraio 2024, 19:00

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

 "Mia nonna comprò il cognome di mia madre Maria dal padre, Riccardo Scicolone, con cinquemila lire che le diede mia zia Sofia Loren. Scicolone aveva dato il suo nome solo a lei, mentre non voleva riconoscere mia madre. Mamma ha sofferto tanto e anche io perché mio padre Romano Mussolini non c'è quasi mai stato quando ero piccola. Ma ho di lui sprazzi di ricordi bellissimi come la voliera che mi portò una volta tornando da un viaggio. E poi la sua musica". Così Alessandra Mussolini si racconta tra vita, famiglia e carriera ospite di Monica Setta a Storie di donne al bivio, nella puntata in onda giovedì 7 marzo nella seconda serata di Rai 2.
    "Dino Risi - prosegue - mi chiese di cambiare cognome per fare cinema. Mi sarei dovuta chiamare Alessandra Zero, ma non era la mia strada. Però ci sono alcuni ricordi belli come il Tassinaro con Alberto Sordi. E altri brutti, come quella volta che Valeria Golino mi fregò a un provino. Il film lo fece lei e non io".
    Ancora scossa per l'aggressione subita a Strasburgo ("Mia zia Sofia è stata la prima a chiamarmi per sapere come stavo", dice) Alessandra Mussolini parla poi della sua famiglia, dei tre figli Romano, Caterina e Clarissa che portano entrambi i cognomi, Floriani Mussolini. E anche delle sue paure. "Si, temo il tempo che passa, le malattie, la morte - confessa - Se potessi tornare indietro vorrei avere trent'anni e sapere che tutta la vita è davanti a me".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza