Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bancarotta: 4 arresti a Catania e sequestro 4,5 mln beni

Sequestrati mezzi tra Sicilia, Calabria, Puglia e Lombardia

Redazione ANSA CATANIA

(ANSA) - CATANIA, 05 DIC - La Guardia di finanza di Catania nell'ambito di una indagine coordinata dalla Procura del capoluogo etneo ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip nei confronti di quattro gestori di due cooperative catanesi di raccolta rifiuti, il 'Consorzio Re.e.co.
    Società Cooperativa' e la 'Pulisud Società Cooperativa', entrambe dichiarate fallite anche a causa degli ingenti debiti, pari a oltre 18 milioni di euro, maturati nei confronti dell'Erario. I quattro sono indagati a vario titolo, tra l'altro, per bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale per distrazione, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e riciclaggio. Sono stati rinchiusi in carcere Filippo Santamaria, di 52 anni, Angelo Lapiana, di 44.
    Sono stati posti agli arresti domiciliari Gaetano Tagliarina, di 49 anni, e Rosario Pruiti Ciarello, di 57. Sequestrati anche due compendi aziendali in Sicilia, Calabria, Puglia e Lombardia nel settore della raccolta dei rifiuti solidi urbani e di un immobile, per un valore complessivo di 4,5 milioni di euro. Le indagini avrebbero accertato lo svuotamento delle aziende indebitate per consentire la prosecuzione delle attività tramite nuovi e non gravati soggetti giuridici, lasciando insoluti i debiti. Le cooperative sarebbero state spogliate di tutti i beni e dei contratti in essere con i propri clienti a favore delle società Progitec srl e As Ambiente srl, riconducibili alle stesse persone. Oggetto del sequestro sono state le quote sociali e l'intero patrimonio della 'Progitec srl', costituito dalla sede dell'azienda, un terreno, disponibilità finanziarie e 246 autoveicoli, tra cui mezzi speciali per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, attrezzatura e impianti industriali in Sicilia, Calabria, Puglia e Lombardia; le quote sociali, disponibilità finanziarie e beni della 'As Ambiente srl; un'abitazione e un garage a Mascali. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA