Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Salute mentale, ansia e depressione per 1 universitario su 5

ANSAcom

Salute mentale, ansia e depressione per 1 universitario su 5

ANSAcom

In collaborazione con Johnson & Johnson

Baldini (J&J Italia), sentiamo la responsabilità di contribuire

Roma, 01 dicembre 2023, 15:30

ANSAcom

ANSACheck

Alessandra Baldini, direttore Medical Affairs Janssen Italia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandra Baldini, direttore Medical Affairs Janssen Italia - RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandra Baldini, direttore Medical Affairs Janssen Italia - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Johnson & Johnson

Gli effetti della pandemia sono ancora visibili sul benessere mentale degli studenti universitari. Una recente ricerca condotta dall’Universitа degli Studi di Milano–Bicocca e dall’Universitа del Surrey (Regno Unito) ha mostrato che il 67% degli intervistati riporta sintomi o atteggiamenti di ansia sociale generalizzata e il 20% di loro ammette di essere affetto da ansia o depressione. I dati sono stati proposti nel corso dell’evento di presentazione di Fattore J, progetto promosso da Johnson & Johnson e Fondazione Mondo Digitale che punta ad avvicinare i giovani ai temi della salute. In progetto è stato presentato questa mattina all’Università Campus Bio-Medico di Roma. “Uno studente su cinque delle nostre università ha problemi di salute mentale importanti. Sentiamo la responsabilità di poter contribuire, come azienda impegnata in questo settore, a portare innovazione e tanta educazione agli studenti delle nostre scuole”, afferma Alessandra Baldini, direttore Medical Affairs di Johnson & Johnson. La salute mentale, insieme all’oncologia - specie il tumore al polmone - e l’Hiv, è tra i temi al centro dell’edizione di quest’anno di Fattore J che vuole raggiungere 5mila studenti delle scuole superiori e delle università. “Sappiamo che il 70% dei fumatori comincia prima dei 18 anni: è perciò urgente cominciare a fare prevenzione nelle scuole”, aggiunge Baldini. “Per quanto riguarda l’Hiv, un recente studio dell’Istituto Superiore di Sanità ha messo in evidenza che le diagnosi di pazienti con infezioni da Hiv stanno crescendo e sono sempre più tardive. Quindi un problema che pensavamo di avere superato, in realtà, non lo è più: dobbiamo ritornare a sensibilizzare tutta la popolazione, e i giovani in particolare, sulla prevenzione”, conclude.

ANSAcom - In collaborazione con Johnson & Johnson

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza