Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Enilive fornirà carburante sostenibile a Ryanair

Enilive fornirà carburante sostenibile a Ryanair

Firmata una Lettera d'Intenti per una fornitura a lungo termine

ROMA, 22 gennaio 2024, 14:47

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La compagnia aerea Ryanair ed Enilive (controllata da Eni) hanno firmato una Lettera d'Intenti (LoI) per una fornitura a lungo termine di carburante sostenibile per l'aviazione (Saf, Sustainable Aviation Fuel) fornito da Enilive in alcuni aeroporti in Italia in cui opera l'aviolinea irlandese, che porta così avanti la sua strategia di decarbonizzazione al 2050, Pathway to Net Zero.
    Questo accordo, spiega una nota congiunta, potrebbe consentire a Ryanair di avere accesso a fino a 100.000 tonnellate (33 milioni di galloni) di Saf tra il 2025 e il 2030 (equivalenti a 20.000 voli dall'aeroporto di Milano Malpensa a Dublino). Il Saf "rappresenta una soluzione concreta per contribuire alla decarbonizzazione dell'aviazione nei prossimi decenni, benché oggi sia una minima parte del consumo di carburante a livello mondiale - si legge nel comunicato - Nelle bioraffinerie in Italia, Enilive lavora prevalentemente materie prime di scarto come oli esausti da cucina, grassi animali e residui dell'industria agroalimentare per produrre l'Eni Biojet, un Saf che contiene il 100% di componente biogenica e che è idoneo a essere utilizzato in miscela con il jet convenzionale fino al 50%.
    Thomas Fowler, direttore della Sostenibilità di Ryanair, ha dichiarato che questa collaborazione "aiuterà Ryanair a raggiungere il suo ambizioso obiettivo di utilizzare il 12,5% di Saf entro il 2030 e di azzerare le emissioni nette entro il 2050" in vista dell'ulteriore target di "trasportare 300 milioni di passeggeri l'anno entro il 2034".
    Stefano Ballista, amministratore delegato di Enilive, ha richiamato l'avvenuta definizione della "normativa ReFuelEu dell'Unione Europea, che mira a estendere l'adozione dei Saf entro il 2050. Enilive prevede di aumentare la propria capacità di bioraffinazione fino a oltre 5 milioni di tonnellate all'anno entro il 2030 ed è concentrata nello sviluppo di nuovi progetti per estenderla: i biocarburanti possono avere un ruolo importante nella decarbonizzazione della mobilità, compresi i settori 'hard to abate' come l'aviazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza