ANSAcom
ANSAcom

Telt propone il turismo sostenibile col progetto Smart Land

La mappa di treni, bici e trekking per viaggiare in Europa

Torino ANSAcom
In un mondo che vuole essere sempre più green, in un'Europa che punta ad azzerare le emissioni inquinanti entro il 2050, con obiettivi intermedi nei due decenni precedenti, viaggiare sostenibile è ormai un imperativo. E' proprio in quest'ottica che è nato Smart Land, progetto per un approccio multimodale per il transito transfrontaliero sostenibile ideato da Telt, il promotore pubblico italo-francese della sezione transfrontaliera della linea ferroviaria merci e passeggeri Torino-Lione, con Demos Helsinki, un think tank finlandese indipendente specializzato in progetti di governance e sviluppo sociale.
E per viaggiare sostenibile una delle parole d'ordine è multimodalità, ossia coniugare fra loro sistemi di trasporto interconnessi a basso impatto. E non solo per gli spostamenti quotidiani più o meno brevi, ma in prospettiva anche per i viaggi a lungo e lunghissimo raggio, da effettuare legando mezzi come il treno, il trasporto pubblico locale, la bicicletta e la camminata.
Obiettivo del progetto, che ha riunito in mappe linee ferroviarie, percorsi ciclabili e pedonali, che insieme formano una rete interconnessa, è quello di proporre una nuova interpretazione delle infrastrutture di trasporto pubblico, viste come un modo per collegare le regioni su diversi piani di riferimento. Un modo nuovo di viaggiare dunque, nel rispetto dell'ambiente e che consente alle economie locali di crescere. Nel dettaglio le mappe, rintracciabili su https://www.telt-sas.com/en/smartland-lyon-turin/, riuniscono la Ten-T (la rete trans-europea di trasporto), le principali ferrovie nazionali e regionali, Eurovelo, la rete europea di piste ciclabili, ed Epaths, la rete europea di sentieri escursionistici di lunga percorrenza, su tre diversi livelli, regionale, nazionale e continentale. Venti i punti di contatto/scambio tra la rete Ten-T, i percorsi ciclabili e i trail a lunga distanza individuati dal 'Smart Land' tra Piemonte e la regione Auvergne-Rhône-Alpes . Sulla tratta interessata dalla sezione transfrontaliera della Torino-Lione si tratta delle due stazioni internazionali che saranno realizzate a Susa e Saint-Jean-de-Maurienne.
Una suggestione innovativa per un nuovo modo di viaggiare in Europa, scegliendo fra le varie modalità di viaggio combinate fra loro a seconda delle proprie esigenze. Scopo comune di Telt e Demos Helsinki sostenere gli obiettivi di decarbonizzazione delle diverse regioni e promuovere la crescita sostenibile, nel quadro del Green Deal, e garantire una transizione equa tanto per le comunità quanto per il settore della mobilità. Alla base c'è l'idea che quando le infrastrutture collegano piccole località nel contesto di reti interregionali, consentono una distribuzione più equa delle risorse tramite il turismo così come l'accesso ai mercati regionali. Ciò permette un forte scambio culturale che può creare hub dove turisti, viaggiatori e residenti possono incontrarsi e condividere beni, servizi e risorse. Smart Land punta dunque a territori che trasformano la loro fragilità ambientale, sociale ed economica ribaltando i paradigmi di crescita, creando flussi regolari e duraturi compatibili con le risorse ambientali ed economiche locali. Un esempio saranno proprio le stazioni ferroviarie di Telt a Susa e Saint-Jean-de-Maurienne che diventeranno gli snodi per i servizi locali di mobilità a emissioni zero e forniranno un'esperienza di viaggio unica: consentiranno il pendolarismo transnazionale e promuoveranno l'uso di biciclette, aprendo un percorso per dei tour neutrali in termini di emissioni di carbonio.

In collaborazione con:
Telt

Archiviato in


Modifica consenso Cookie