Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sindacato denuncia, 'ore di follia' nel carcere di Terni

Sindacato denuncia, 'ore di follia' nel carcere di Terni

Per il Sappe tre agenti medicati per colpi da un detenuto

TERNI, 22 febbraio 2024, 11:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due agenti della polizia penitenziaria in servizio al carcere di Terni sono stati medicati al pronto soccorso, un altro nell'infermeria interna, dopo essere stati colpiti da un detenuto. Lo denuncia il Sindacato autonomo polizia penitenziaria tramite il segretario per l'Umbria Fabrizio Bonino che parla di "ore di follia".
    "Tutto è successo - spiega il sindacalista - quando un detenuto tunisino del circuito media sicurezza e conosciuto nelle carceri umbre per la sua aggressività e abituato a 'farla da padrone', ha deciso si scendere in una sezione non sua con la scusa di portare il tabacco ad un altro recluso. Al giusto diniego dell'agente di servizio, gli sferrava un calcio.
    Fortunatamente, intervenivano un ispettore ed un sovrintendente i quali, per soccorrere il collega, sono stati a loro volta aggrediti dal detenuto".
    Per il segretario del Sappe "è ormai evidente che nella casa circondariale di Terni la sicurezza sia pari a zero, detenuti che si possono permettere qualunque cosa sapendo bene di restare impuniti". "Così come per questo detenuto - aggiunge - che, nonostante i suoi continui comportamenti fuori da ogni regola, per premio lavora anche all' esterno. Come si fa a tollerare ancora tutto questo, come si può tacere su tali comportamenti e persino a premiare questi soggetti...".
    "Chiunque, ma soprattutto chi ha ruoli di responsabilità politica ed istituzionale, penso in primis ai sottosegretari alla Giustizia Delmastro e Ostellari, ognuno per quanto di competenza per delega ministeriale, dovrebbe andare in carcere a Terni a vedere come lavorano i poliziotti penitenziari, orgoglio non solo del Sappe e di tutto il Corpo ma dell'intera nazione - il commento di Donato Capece, segretario generale del Sappe -. È sotto gli occhi di tutti che la situazione penitenziaria è sempre più critica".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza