Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Polposta sequestra presunto provento truffa telefonica

Polposta sequestra presunto provento truffa telefonica

Recuperati circa 3 mila euro versati da una donna di Perugia

PERUGIA, 12 febbraio 2024, 17:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il personale del centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale e delle comunicazioni di Perugia ha sottoposto a sequestro preventivo "d'urgenza" circa 3 mila euro ritenuti frutto di una presunta truffa telefonica nei confronti di una donna residente nel capoluogo umbro. Provvedimento disposto dalla procura e convalidato dal gip.
    L'indagine è partita dopo che la donna ha presentato una denuncia per truffa riferendo di avere ricevuto una serie di messaggi sul cellulare nei quali l'interlocutore, fingendosi il figlio, sosteneva di avere smarrito il proprio telefono e aveva la necessità di comprarne immediatamente un altro. Dicendole che sarebbe stata contattata dal titolare di un negozio di telefonia al quale avrebbe dovuto inviare dei soldi per lo smartphone. Si era così recata in una tabaccheria - ricostruiscono i magistrati di Perugia - accreditando su una carta prepagata circa mille euro per l'acquisto del nuovo telefono.
    La donna aveva poi ricevuto un nuovo messaggio con il quale il sedicente figlio chiedeva quasi 4 mila e 500 euro per l'acquisto di abbigliamento e anche questa volta eseguiva il bonifico sull'iban segnalato. Era poi venuta a conoscenza dal marito di essere stata truffata in quanto l'uomo era riuscito a contattare realmente il figlio, ignaro di quanto accaduto.
    La polizia postale ha così individuato i conti sui quali le somme erano state accreditate accertando che parte (circa 3 mila euro) erano ancora giacenti presso un istituto bancario campano nella disponibilità di persone sulle quali sono in corso indagini per risalire ai responsabili della truffa. Il denaro è stato invece sequestrato.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza