Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ordine avvocati, giudice poeta faccia i nomi di chi favorito

Ordine avvocati, giudice poeta faccia i nomi di chi favorito

'Non disposti ad accettare illazioni' sottolinea il Consiglio

PERUGIA, 10 novembre 2023, 19:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiede all'ormai ex magistrato di sorveglianza di Perugia Ernesto Anastasio di fare "eventualmente" i nomi dei legali che avrebbero ricevuto presunti favoritismi per i loro clienti, il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Perugia dopo quanto dichiarato dallo stesso. Lo fa sottolineando comunque in un comunicato che "non compete" all'Organismo "l'accertamento di eventuali illeciti disciplinari commessi dai propri iscritti".
    Il Consiglio dell'Ordine - presieduto da Carlo Orlando - "esprime la propria ferma censura alle dichiarazioni esternate dal magistrato, invitandolo a non attribuire eventuali responsabilità o giudizi professionali sulla classe forense, anzi eventualmente dichiarando apertamente i nominativi degli avvocati che avrebbero posto in essere i comportamenti riferiti, in quanto l'avvocatura si dissocia da simili condotte e non è altresì disposta ad accettare tali illazioni o paventati addebiti".
    Il Consiglio evidenzia poi - in un comunicato - "la gravità di tali affermazioni, che adombrano eventuali prassi deontologicamente censurabili e che attribuiscono alla classe forense finalità e comportamenti che non le appartengono, risultando offensive per la funzione sociale della medesima Avvocatura".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza