Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Complesso Orsanmichele riapre dopo restauro e riallestimento

Complesso Orsanmichele riapre dopo restauro e riallestimento

Dopo intervento di 400 giorni tornano fruibili chiesa e museo

FIRENZE, 15 gennaio 2024, 15:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Restauro, messa in sicurezza e riallestimento del museo: dopo oltre un anno di lavori e un investimento di circa 1,1 milioni, il complesso di Orsanmichele a Firenze è pronto a riaprire al pubblico il 19 gennaio (sarà visibile tutti i giorni, eccetto il martedì).
    Durante i 400 giorni di chiusura, la chiesa e il museo di Orsanmichele sono stati sottoposti a una serie di operazioni di restauro e manutenzione straordinaria delle sculture, dei dipinti murali, dei paramenti lapidei e di alcune statue. Nel nuovo allestimento, le 13 statue che originariamente si trovavano nelle nicchie esterne, realizzate da artisti come Lorenzo Ghiberti, Donatello, Andrea del Verrocchio, Baccio da Montelupo e Giambologna, tornano a interagire con il pubblico grazie a strutture che le tengono sollevate, incorniciandole con un fondale che ripropone proprio la collocazione nei tabernacoli esterni. In chiesa è stata fatta la spolveratura integrale del tabernacolo dell'Orcagna, dell'altare con il gruppo della Vergine con Bambino e Sant'Anna di Francesco da Sangallo e della tavola di Bernardo Daddi. Nella parte absidale si è proceduto al restauro delle pareti e al ripristino degli intonaci. Inoltre, grazie alla rimozione della vecchia sagrestia addossata alla parete nord-est, sono tornate visibili alcune porzioni degli affreschi raffiguranti San Domenico e San Francesco. Sono stati poi restaurati i basamenti dei sei pilastri delle campate, le pitture delle facce di tre pilastri raffiguranti San Giovanni Evangelista, San Barnaba e San Pietro, ed è stata condotta una campagna di manutenzione delle volte. Durante i lavori al museo, è stato possibile intraprendere alcuni interventi di restauro e manutenzione straordinaria di opere come la statua del Sant'Eligio di Nanni di Banco, del San Matteo di Lorenzo Ghiberti, di due bronzi di Santo Stefano di Ghiberti e del San Giovanni Evangelista di Baccio da Montelupo. In vista del riposizionamento dei Quattro Santi Coronati, è stato restaurato l'antico frontone in marmo, rimasto fratturato in seguito al trasferimento dell'opera dal tabernacolo al museo nel 2001.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza