Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giornata Memoria a Zurigo con scrittrice Marina Morpurgo

Giornata Memoria a Zurigo con scrittrice Marina Morpurgo

Evento promosso dall'Istituto Italiano di Cultura di Zurigo

GINEVRA, 26 gennaio 2024, 17:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un pubblico numeroso e attento ha partecipato ieri presso il Volkshaus di Zurigo ad un incontro con la scrittrice e traduttrice Marina Morpurgo intitolato "La Svizzera come salvezza tra finzione e realtà", promosso dall'Istituto Italiano di Cultura di Zurigo in occasione della Giornata della memoria della Shoah.
    Il dialogo con Marina Morpurgo ha riguardato da un lato la storia della famiglia paterna della scrittrice al tempo delle leggi razziali - e in particolare la fuga in Svizzera dopo l'occupazione tedesca dell'Italia del Nord -, e dall'altro il linguaggio della narrazione relativa alla Shoah nel contesto contemporaneo.
    Tra il 1943 e il 1945, circa 45.000 italiani cercarono di attraversare la frontiera tra la Lombardia e il Ticino: tra questi, 6000 ebrei, ricorda l'istituto Italiano di Cultura di Zurigo nel suo invito all'incontro. Il pubblico ha posto alla scrittrice, nata e cresciuta a Milano ma che ora vive in Svizzera, molte domande, dalle quali - riferisce una nota - è emersa soprattutto l'importanza del mantenere vivo il discorso sulla memoria, nonché di una coscienza e una risoluzione individuali anche nelle ore più buie della storia collettiva, anche con l'esempio di individui che hanno permesso la salvezza della famiglia Morpurgo esponendo sé stesse a rischi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza