Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pakistan: seguaci di Khan disturbano prima seduta del Parlamento

Pakistan: seguaci di Khan disturbano prima seduta del Parlamento

I sostenitori dell'ex premier contestano i risultati del voto

ISLAMABAD, 29 febbraio 2024, 21:49

Redazione ANSA

ANSACheck
© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

© ANSA/EPA

La sessione inaugurale di oggi della neoeletta Assemblea nazionale pakistana è stata disturbata dai deputati fedeli all'ex primo ministro Imran Khan, che continuano a contestare i risultati delle recenti elezioni legislative. Numerose accuse di frode hanno inficiato il voto dell'8 febbraio, al quale Imran Khan, in carcere da agosto e condannato a lunghe pene detentive, non ha potuto candidarsi.
    I deputati hanno preso posto nell'Assemblea nazionale di Islamabad, che conta 336 seggi, questa mattina e hanno prestato giuramento. Alcuni membri del partito di Khan, il Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI), hanno mostrato foto dell'ex premier in segno di sfida, mentre i leader degli altri principali partiti entravano in aula. "In una democrazia, il Parlamento è un luogo sacro", ha detto Gohar Ali Khan, leader ad interim del Pti. "Chi non ha la fiducia dei cittadini e non ha un mandato non dovrebbe sedere qui", ha aggiunto.
    Nonostante la repressione delle autorità e l'impossibilità di fare campagna elettorale, i candidati indipendenti affiliati al Pti hanno conquistato il maggior numero di seggi alle elezioni.
    Ma non avendo la maggioranza assoluta e rifiutando qualsiasi alleanza, hanno lasciato campo libero a una coalizione tra i due principali partiti basati sulle dinastie familiari che hanno dominato la politica pakistana per decenni, la Pakistan Muslim League (PML-N) di Nawaz Sharif e il Pakistan People's Party (PPP) di Bilawal Bhutto Zardari, oltre ad altri partiti minori.
    Secondo i termini dell'accordo, il fratello minore di Nawaz Sharif, Shehbaz, già capo del governo nel 2022 e nel 2023, sarà eletto primo ministro dai deputati nei prossimi giorni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza