Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Impossibile trovare posto per i funerali di Navalny

Impossibile trovare posto per i funerali di Navalny

Il Cremlino avverte che qualsiasi protesta sarebbe illegale, e nega vi fosse una trattativa per uno scambio

MOSCA, 28 febbraio 2024, 10:39

Redazione ANSA

ANSACheck

Un omaggio a Alexei Navalny © ANSA/EPA

Un omaggio a Alexei Navalny © ANSA/EPA
Un omaggio a Alexei Navalny © ANSA/EPA

   Il team e la famiglia di Alexei Navalny non riescono ad ottenere una stanza per l'addio pubblico all'oppositore, ha affermato oggi la sua portavoce, Kira Yarmysh, che ieri aveva lanciato un appello perché fosse messo a disposizione uno spazio. "Abbiamo chiamato la maggior parte delle agenzie funebri private e pubbliche, dei siti commerciali e delle sale funebri - ha scritto Yarmysh su X -. Da qualche parte dicono che la stanza è occupata. Da qualche parte si rifiutano di menzionare il nome Navalny. In un posto ci è stato detto direttamente che alle agenzie funebri era vietato lavorare con noi". 

   Il dissidente Leonid Volkov, amico e collaboratore di Navalny, si è detto convinto da parte sua che una protesta indetta per il 17 marzo, giorno finale delle elezioni presidenziali russe, sarebbe "l'ultimo testamento" dell'oppositore morto in carcere. Ma il portavoce ufficiale del Cremlino, Dmitri Peskov, ha definito "provocatori" gli appelli ad azioni di protesta nel nome di Navalny, sostenendo che si tratta di "inviti a violare le leggi" e ha minacciato "conseguenze legali" per "coloro che in qualche modo reagiscono a queste chiamate".

 

   In quanto alla possibilità - evocata da  Maria Pevchikh, dirigente della Fondazione Anticorruzione di Navalny - che si fosse era arrivati alla fase finale di una trattativa per ottenere la liberazione del dissidente e due cittadini americani detenuti in Russia in cambio del rilascio in Germania di Vadim Krasikov - un agente dei servizi russi in carcere per omicidio - Peskov si è limitato a dire: "Non ne so nulla, non ho alcuna informazione al riguardo".

   Secondo una fonte russa citata dalle Reuters, però, Navalny avrebbe dato il suo consenso a tornare in libertà in un possibile scambio di
detenuti che sarebbe stato in programma a metà febbraio tra la Russia e i Paesi occidentali e anche la moglie, Yulia Navalnaya, avrebbe dato il suo consenso al possibile scambio. La stessa fonte sostiene inoltre che nei colloqui sarebbe stato coinvolto il miliardario Roman Abramovich. "Inizialmente il piano prevedeva uno scambio che coinvolgesse solo" il giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, arrestato in Russia con accuse di spionaggio, "e Abramovich ne aveva discusso con Putin. L'unica persona con cui Putin era pronto a scambiarlo era Krasikov. Ma i tedeschi erano categoricamente contrari, perché era un problema americano. Quando Navalny è apparso nell'ambito di questo piano, i tedeschi alla fine hanno accettato".

   Sempre stando alla fonte della Reuters, "tutto era stato finalmente confermato quando" il cancelliere tedesco Olaf "Scholz si era recato negli Stati Uniti" per colloqui alla Casa Bianca il 9 febbraio. Stando a un'altra fonte della Reuters "vicina al Cremlino", Russia e Occidente avrebbero concordato in linea di principio di fare uno scambio che coinvolgesse Navalny e Gershkovich, ma i dettagli precisi di tale accordo dovevano ancora essere definiti.

    Oggi, inoltre, l'avvocato Vasily Dubkov, che ha difeso Navalny e ha accompagnato la madre Lyudmila nella regione artica per ottenere la restituzione del corpo del dissidente, è stato fermato a Mosca. Secondo quanto riferiscono diverse testate dell'opposizione e l'ong Ovd-Info, il legale sarebbe accusato di un reato amministrativo, violazione dell'ordine pubblico. Dubkov è stato successivamente rilasciato dalla stazione di polizia dove era stato fermato. Lo ha detto lo stesso avvocato, al media indipendente Verstka, citato da Novaya Gazeta

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza