Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mencaroni, troppe le occasioni perse sulle infrastrutture

Mencaroni, troppe le occasioni perse sulle infrastrutture

'Basta con le indecisioni e le dietrologie'

PERUGIA, 25 gennaio 2024, 12:08

Redazione ANSA

ANSACheck

"Troppe le occasioni perse negli anni dall'Umbria - e anche, ma in misura molto minore, dalle regioni confinanti - sulle infrastrutture per personalismi e mancanza di capacità di essere coerenti e coesi nonostante decisioni prese in maniera competente e trasparente, sulla base di studi, analisi approfondite, Libri bianchi e concertazione con gli enti nazionali competenti": così Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di commercio dell'Umbria, nel video "Il Punto del Presidente", curato dall'Ufficio comunicazione e stampa dell'ente camerale.
    "Tra le occasioni perse - continua - il Nodo di Perugia, i poli fieristici del Centro Italia, una programmazione coordinata degli scali aeroportuali di Umbria, Marche e di parte dell'Emilia Romagna, il fatto che Perugia e Arezzo avrebbero potuto avere il treno dell'alta velocità Frecciarossa già nel 2010. Su quest'ultimo fatto voglio ricordare che, dopo aver trovato l'accordo tra tutti, comprese le Ferrovie dello Stato, per l'arretramento del treno dell'alta velocità da Firenze ad Arezzo e Perugia, il giorno della firma dell'intesa eravamo tutti presenti, dalla Regione Toscana e Province toscane interessate con i loro assessori competenti, ai presidenti delle Camere di commercio delle Province toscane coinvolte, ai rappresentati delle Ferrovie dello Stato, ma non si presentarono né l'assessore regionale dell'Umbria, né quello provinciale di Perugia. Mi ritrovai solo e firmai. Però, senza la sigla delle Istituzioni umbre, che pure avevano condiviso e concordato la trattativa e i suoi risultati, la sola mia firma fu, ovviamente, monca. Saltò tutto e perdemmo la possibilità di avere il treno ad alta velocità fin dal 2010. Modi di fare che dimostrano come retropensieri, mancanza di condivisione reale, personalismi, reticenze abbiano fatto molto male alla regione sul fronte dell'isolamento infrastrutturale e non debbono più ripetersi".
    "Sulle infrastrutture stradali (quelle, afferma il Presidente, "sulle quali in questi anni si è fatto di più"), ferroviarie e aeroportuali per rompere l'isolamento dell'Umbria, tema su cui la Camera dell'Umbria ha sempre prestato grande attenzione, partecipando alla progettazione delle opere e, in alcuni casi come in quelli della Quadrilatero e dell'aeroporto, anche con una diretta partecipazione economica (nel caso della Quadrilatero, grande opera viaria che ha cambiato il volto della viabilità in una parte consistente della regione, la Camera di commercio è impegnata economicamente fino al 2037-2038)", Mencaroni - spiega un comunicato della Camera di commercio - si riferisce ad opere su cui è stato approfondito e analizzato tutto ciò che andava approfondito e analizzato, anche all'interno del Libro Bianco sulle priorità infrastrutturali dell'Umbria: a cominciare dalla stazione dell'Alta Velocità "Media Etruria", per la quale una commissione tecnica di esperti nominata ad hoc ha indicato come luogo di realizzazione Creti (comune di Cortona, provincia di Arezzo). E lo stesso vale per il Nodino di Perugia, che va visto nell'ottica del completamento della trasversale che collega i porti di Ancona e Civitavecchia.
    Per il presidente dell'ente camerale "si stanno facendo, ora che gli iter amministrativi sono completati, troppi distinguo, troppe controproposte, che rischiano di rallentare queste opere fino a non farle più", "ripetendo - afferma Mencaroni - gli errori del passato, che hanno fatto perdere tante occasioni alla nostra regione. Il metodo trasparente che segue la Camera di commercio - spiega il presidente - è sempre quello: studi approfonditi, indagini, Libri Bianchi, confronti, pieno coinvolgimento di tecnici di alto valore, esame di tutte le proposte, confronto gli enti e le agenzie nazionali e interessate. Quando da questi comitati tecnici emerge una valutazione compiuta, allora occorre tirare la fune tutti dalla stessa parte nell'interesse dell'Umbria, della sua economia, della sua società. Vedo ad esempio - continua Mencaroni - che sulla stazione dell'Alta velocità 'Media Etruria' ubicata a Creti continuano ad uscire proposte alternative che magari possono avere anche qualche elemento di validità, ma che non possono rimettere in discussione tutto rimandando le opere a babbo morto, che è il modo per non farle più. La soluzione di Creti, che garantisce numerose coppie di treni ad alta velocità al giorno verso il nord e verso il sud, è la migliore - anche per la rapidità con cui può essere concretizzata - e Creti deve essere. Lo stesso discorso vale, ad esempio, per il cosiddetto Nodino".
    Per Mencaroni "l'unità d'intenti delle istituzioni coinvolte è fondamentale". "Prendiamo il caso dell'aeroporto Perugia San Francesco d'Assisi, del quale la Camera di commercio dell'Umbria è stata per anni socio di riferimento (senza mai tirarsi indietro nel contribuire sia sul piano economico che in termini dialettici, di proposta, di pensiero) e che, nonostante i pesanti tagli subiti dagli Enti camerali italiani nel 2016, continua a sostenere perché ritiene tale infrastrutturale di cruciale importanza. Lo scalo è ripartito, raggiungendo risultati importanti, nel momento in cui si sono ritrovate condivisione e sinergia nelle scelte".
    Nel "Punto del Presidente" Mencaroni ribadisce amche la centralità del problema della fuoriuscita dei laureati dalla regione e rilancia la proposta dell'istituzione di un fondo di almeno due anni per integrare le retribuzioni dei migliori laureati che vengono assunti dalle imprese umbre. "Sarebbe un modo - afferma - per far sì che questi giovani conoscano le imprese della regione e che le aziende conoscano questi giovani, provando a creare e a irrobustire percorsi di crescita per entrambi".
    Intanto, rileva Mencaroni, "giungono segnali importanti, come quello arrivato dal Rapporto sull'andamento dell'economia regionale, elaborato dall'ente camerale sulla base anche dei bilanci delle imprese dal quale emerge che le imprese di capitali dell'Umbria hanno superato nel 2022 la produttività di Toscana e Marche".
    "Non è un caso - conclude Mencaroni - che grandi marchi, non solo nel tessile ma anche altri settori, vengano a produrre in Umbria. È perché c'è un substrato forte di micro, piccole e talvolta anche medie aziende, di realtà di saperi e di mestieri.
    Queste vanno difese nella globalizzazione, perché altrimenti l'Umbria perderebbe mestieri e saperi con un impatto negativo sull'economia regionale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza