Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Miss Dior sfila a Parigi, omaggio a Gabriella Crespi

Miss Dior sfila a Parigi, omaggio a Gabriella Crespi

Collezione anni '60 e installazione opere dell'artista Kulkarni

ROMA, 27 febbraio 2024, 19:55

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Miss Dior con il suo glamour anni Sessanta sfila a Parigi sulla passerella di Dior, attorno ad una installazione dove appaiono nove opere dell'artista indiano Shakuntala Kulkarni, che riflette sul corpo femminile e sul rapporto con gli spazi, con una serie di manichini armatura in bambù.
    "Sono rimasta particolarmente affascinata da queste armature - scrive su Instagram la direttrice di Dior Maria Grazia Chiuri a fine sfilata - difendono il corpo femminile mentre lo ingabbiano, ostacolando la sua libertà". La ricerca che Kulkarni sta portando avanti fin dai primi anni 2000 si basa sui temi del potere e della vulnerabilità. La creazione di armature per le donne ha lo scopo di proteggere il corpo dai vincoli sociali e patriarcali intrinseci al sistema sociale e domestico tradizionale. Ma a ispirare la nuova collezione di pret-a-porter per l'Autunno/Inverno 2024/25 a Chiuri, come lei stessa annuncia su Instagram, stavolta è stata una figura femminile legata per 20 anni alla maison Dior. Si tratta di Gabriella Crespi, designer e scultrice italiana, classe 1922, che nel corso della sua lunga carriera (è morta nel 2017) ha prodotto oltre duemila pezzi. Il suo stile glamour non è passato inosservato a Dior, con cui collaborò negli anni '60, realizzando una linea di oggetti per la casa e da regalo. Il legame tra Crespi e Dior durò quasi vent'anni. Il suo mondo ci riporta alla fine degli anni '60.
    Allora, i suoi oggetti decoravano le boutique della maison, poiché Gabriella, era la musa del direttore artistico Marc Bohan. Quello è il periodo in cui Dior abbracciò il prêt-à-porter, lanciando la linea Miss Dior, aprendosi al mondo e a tutte le donne, ormai protagoniste di un grande cambiamento. La collezione rievoca silhouette e materiali degli anni Sessanta, periodo in cui l'apertura della boutique Miss Dior a Parigi introdusse un modo nuovo di vestire per le donne. Infatti la scritta "Miss Dior" viene impressa e ricamata sui 72 capi della collezione come un manifesto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza