Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Approfondimenti
  5. Cerimonia d'addio per Pietro Citati, riposa in cimitero Grosseto

Cerimonia d'addio per Pietro Citati, riposa in cimitero Grosseto

Nella cappella di famiglia, a fianco della moglie

E' stata celebrata oggi nella cappella del cimitero della Misericordia di Grosseto la messa di esequie dello scrittore, saggista e intellettuale fiorentino Pietro Citati, deceduto a Roccamare, nel comune di Castiglione della Pescaia (Grosseto) lo scorso 27 luglio all'età di 92 anni.
    Una cerimonia intima, spiega la Diocesi di Grosseto, con i familiari e alcuni conoscenti maremmani, officiata da don Franco Cencioni. Poi l'urna con le ceneri dello scrittore è stata collocata nella cappella di famiglia, dove riposa già la moglie Elena, deceduta alcuni anni fa. Nato a Firenze il 9 febbraio 1930, nella sua lunga riflessione ha spaziato da Omero a Proust, da Leopardi a Goethe, da Manzoni a Kafka. Nel 1984 ha vinto il premio Strega con la biografia Tolstoj, e nel 1970 il premio Viareggio con il suo 'Goethe', oltre a numerosi riconoscimenti all'estero. Nell'omelia Cencioni ha sottolineato l'apporto che Citati ha offerto a tutti i cercatori di Dio grazie ad alcune sue opere. A partire da "I Vangeli", ma anche "Israele e l'Islam: le scintille di Dio". "E' stato un cercatore di Dio - ha detto - cercato e veduto anche là dove altri occhi non l'hanno visto: nelle civiltà del passato e del presente".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie