Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rocco Siffredi, 'io uomo oggetto ma l'ho pagato caro'

Rocco Siffredi, 'io uomo oggetto ma l'ho pagato caro'

Destino e famiglia in Supersex a Berlino con Borghi, Giannini e Trinca

BERLINO, 22 febbraio 2024, 19:11

di Francesco Gallo

ANSACheck

La serie Supersex su Siffredi in prima mondiale a Berlino - RIPRODUZIONE RISERVATA

La serie Supersex su Siffredi in prima mondiale a Berlino -     RIPRODUZIONE RISERVATA
La serie Supersex su Siffredi in prima mondiale a Berlino - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Non riesco a distaccarmi dalla storia della mia famiglia, mi dispiace, ho pensato a mia madre, a mio fratello, per fortuna ho 'santa' Rosa (dice rivolgendosi alla moglie seduta tra i giornalisti, ovvero Rosa Caracciolo, pseudonimo di Rózsa Tassi ex modella ed attrice pornografica ungherese)". Così stamani a Berlino la pornostar Rocco Siffredi spiega il pianto suscitato dalla domanda su destino e famiglia. L'occasione è stata l'anteprima mondiale alla Berlinale Special, di Supersex, serie in sette puntate ispirata alla sua vita ("al 98%" dice lui stesso) che debutterà su Netflix il 6 marzo 2024 con Alessandro Borghi protagonista. E ancora commosso conclude Siffredi: "Sono stato orgogliosamente un uomo oggetto per la donna e non lo dico con vanità, ma a testa alta. Per avere tutto questo però ho pagato un caro prezzo". Tutto inizia negli anni Sessanta quando Rocco Tano, un semplice ragazzo di Ortona che sarebbe diventato molto dopo Rocco Siffredi la pornostar più famosa al mondo, è solo un bambino povero innamorato di Tommaso, il più grande e maledetto dei suoi fratelli (Adriano Giannini), fidanzato con la più bella del paese, Lucia (Jasmine Trinca). Ma il bambino ama anche Supersex, fumetto pornografico che è la sua copertina di Linus.
    Rocco scoprirà a un certo punto di avere anche lui lo stesso superpotere del fumetto, quello di una sessualità prorompente destinata inevitabilmente a condizionare tutta la sua vita.
    "Questa serie racconta anche l'evoluzione del porno che è stato grande e bello negli anni Ottanta e Novanta con Moana Pozzi e Cicciolina - racconta Siffredi -, poi c'è stata un'industrializzazione del porno. Con l'avvento di Internet è cambiato tutto non c'è più la scelta di fare il porno per vocazione, ma solo per fare soldi. Si è come entrati in una dimensione di pre futuro, la vocazione naturale, vera è finita da 15 anni". "Uso il mio corpo da sempre senza nessun difficoltà e questo fin da piccolo - dice Borghi che per Supersex si è trovato a recitare nudo centinaia di volte - La mia prima educazione sessuale è stata poi attraverso il porno. In fondo gran parte di quello che scopriamo sul sesso ci viene dagli spogliatoi della palestre o dai banchi di scuola. Questa serie così mi ha dato l'opportunità di interrogare me stesso e la mia educazione sessuale. Le difficoltà casomai - conclude l'attore - sono state altre, emotive: mi chiedevo sempre se Rocco Siffredi si sarebbe riconosciuto in quella scena, non volevo farne solo un'imitazione". Racconta poi Jasmine Trinca che tra l'altro è nella giuria internazionale di questa edizione della Berlinale: "Lucia, la compagna di Tommaso, il fratello guida di Rocco che a un certo momento la fa prostituire, mi ha permesso per la prima volta di dare voce a un pensiero profondo: quello di sfuggire al proprio destino, di fare un atto di enorme libertà". Mentre appunto Giannini, che interpreta il tormentato Tommaso, sottolinea: "Quando me l'hanno proposto volevo scappare, avevo molta paura. Tommaso è un personaggio molto complesso, a partire dal dialetto, un uomo senza pelle che sembra Amleto, un personaggio bipolare". Infine, una dei tre registi, Francesca Mazzoleni, spiega perché il voice over usa toni così alti: "Rocco è l'eccesso della mascolinità che questa voce porta a un livello di consapevolezza piu alto. Rocco è il suo 'cazzo' - conclude - sono poi un fatto mitopoietico". Nel cast della serie - creata e scritta da Francesca Manieri, prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment e da Matteo Rovere per Groenlandia e diretta da Matteo Rovere, Francesco Carrozzini e Francesca Mazzoleni - anche: Saul Nanni (Rocco ragazzo), Enrico Borello (Gabriele), Vincenzo Nemolato (Riccardo Schicchi), Gaia Messerklinger (Moana), Jade Pedri (Sylvie) e Linda Caridi (Tina).
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza