Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Detenuta incendia la cella dell'infermeria a Sassari

Detenuta incendia la cella dell'infermeria a Sassari

Bancali, fiamme spente e detenute trasferite in un luogo sicuro

SASSARI, 21 febbraio 2024, 13:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una detenuta nel reparto infermeria del carcere femminile di Bancali ha incendiato la propria cella creando il caos nell'istituto di pena sassarese.
    La Polizia penitenziaria ha evitato che succedesse una tragedia, spegnendo l'incendio e portando in un luogo sicuro le detenute presenti.
    A denunciare l'ennesimo episodio di tensione all'interno del carcere di Sassari è Antonio Cannas, delegato nazionale per la Sardegna del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe): "L'intervento risolutivo della Polizia penitenziaria è stato tempestivo e provvidenziale, anche se è stato reso complicato dal fumo provocato", spiega.
    Cannas accusa la politica: "Siamo sconcertati dall'assenza di provvedimenti in merito contro chi si rende responsabile di queste inaccettabili violenze e situazioni di grande allarme, determinando quasi un effetto emulazione per gli altri ristretti violenti. Non se sono accorti, per esempio, quei parlamentari accorsi a Sassari per verificare le condizioni di salute di Alfredo Cospito".
    Con Cannas esprime disappunto per quanto accaduto anche il segretario generale del Sappe, Donato Capece: "Con questi ulteriori gravi eventi critici, sale vertiginosamente il numero dei poliziotti coinvolti da detenuti senza remore in fatti gravi. Esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza a tutte le colleghe ed i colleghi della Casa circondariale di Bancali; e questi ultimi episodi devono far riflettere i vertici dell'istituto e della regione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza