Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Da un anno aggrediva a caso i passanti, arrestato ad Andria

Da un anno aggrediva a caso i passanti, arrestato ad Andria

In carcere è finito un giovane di 27 anni

ANDRIA, 27 febbraio 2024, 13:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Avrebbe aggredito in strada tre persone, colpevoli solo di averlo incrociato per le strade del centro di Andria. In poco meno di tre di mesi, a partire dal marzo dello scorso anno, avrebbe picchiato due donne e un uomo.
    Ora, il presunto aggressore è stato identificato e arrestato. Si tratta di un cittadino proveniente dalla Guinea, di 27 anni che gli agenti delle Volanti della questura di Andria sono riusciti a individuare anche grazie all'analisi dei sistemi di videosorveglianza delle zone in cui sono avvenute le aggressioni. La prima risale al marzo 2023 quando una donna di appena 18 anni è stata colpita al volto da un pugno che l'ha fatta stramazzare al suolo. Qualche settimana più tardi è toccato a un'altra donna a cui il 27enne avrebbe rivolto offese e inferto alcuni calci che l'hanno raggiunta alle gambe e al borsone che portava con sé e che l'uomo le ha strappato di mano.
    La vittima è riuscita a scappare e a rifugiarsi in una scuola ma la furia dell'uomo si è rivolta a un passante colpito alla testa dai pugni del presunto aggressore che ha poi usato anche il borsone appena scippato per tramortirlo. La violenza non si è fermata neppure all'arrivo dei poliziotti a cui l'uomo avrebbe intimato: "Tirate fuori le vostre pistole e sparatemi o vi uccido". Gli agenti ci hanno messo un po' a immobilizzarlo.
    L'uomo è stato lasciato libero perché non è stata riconosciuta la flagranza di reato. Oggi, a quasi un anno dalle aggressioni la Procura di Trani ha richiesto e ottenuto l'emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 27enne. A trovarlo, in un casolare abbandonato, sono stati i poliziotti che lo hanno portato in carcere. Risponde di lesioni pluriaggravate e minacce a pubblico ufficiale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza