Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Aumento tumori in area ex Ilva', appello medici a Meloni

'Aumento tumori in area ex Ilva', appello medici a Meloni

'Non si perda occasione e sia data priorità a tutela salute'

TARANTO, 22 gennaio 2024, 14:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Noi medici tarantini chiediamo che non venga sprecata questa ennesima opportunità di affrontare la gravissima crisi dell'ex Ilva oltre che dal punto di vista socio-economico, anche da quello della salute dei cittadini di Taranto. Abbiamo alle spalle sessanta anni di convivenza con una fabbrica che lascia dietro di sé una scia di morti a causa dell'inquinamento di suolo, aria ed acqua del territorio in cui viviamo". Inizia così una lettera-appello sottoscritta da un centinaio di medici tarantini (ma le adesioni sono successivamente aumentate) e inviata nei giorni scorsi alla premier Giorgia Meloni, in cui si richiamano "gli innumerevoli studi scientifici che dimostrano come le sostanze inquinanti di questa industria siano causa di malattie sia per i lavoratori impiegati nella fabbrica, sia per i semplici cittadini". "Si stima - evidenziano i medici nella lettera - un aumento di tumori respiratori, di accidenti cardiocircolatori, di tumori della tiroide o della vescica, di tumori dell'apparato emopoietico (Studio Sentieri con il suo ultimo aggiornamento, studio Forastiere del 2019), di infertilità, di endometriosi".
    Tra i promotori dell'appello c'è Mariagrazia Serra, referente di Isde-Medici per l'Ambiente. "E' un'iniziativa libera - spiega all'ANSA - dei medici tarantini, non ci sono sigle dietro. Io personalmente ho inviato il documento alla presidente del Consiglio tramite pec, accludendo le firme che avevo raccolto.
    Vorremmo partecipare a un tavolo tecnico visto che siamo la voce di chi, con mano, ha assoluta contezza delle malattie che ci sono a Taranto. La missiva è stata sottoscritta da medici di tutti i tipi: dai medici di medicina generale ai pediatri, ai ginecologi. Io, ad esempio, sono oculista. Noi vogliamo rivolgere un accorato appello affinché questa volta sia in primis la tutela della salute a guidare le scelte politiche".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza