Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mittal a Meloni, 'cerchiamo soluzione amichevole ex Ilva'

Mittal a Meloni, 'cerchiamo soluzione amichevole ex Ilva'

Lettera alla premier e a Mantovano riapre il dialogo

TARANTO, 20 gennaio 2024, 20:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(ANSA) - TARANTO, 20 GEN -  Pronti a cedere le quote a Invitalia oppure a restare in Ilva con una quota di minoranza. ArcelorMittal fa una nuova mossa con l'invio di una lettera al governo per riaprire il dialogo sul dossier ex Ilva. Lettera indirizzata alla premier, Giorgia Meloni, alla quale viene prospettata una "soluzione amichevole". Dalla missiva insomma sembra che per Il gruppo siderurgico franco-indiano tutte le soluzioni siamo ancora percorribili. La lettera si chiude infatti con questo inciso dell'Ad Aditya Mittal che spera "che questa lettere convinca il suo governo che azioni unilaterali ed estreme sono sia indesiderabili sia superflue alla luce della proposta concreta e specifica che abbiamo presentato, e restiamo in attesa di essere contattati dal suo ufficio o dai suoi rappresentanti sui prossimi passi. Il nuovo passo arriva dopo la rottura e il via all'iter per il commissariamento, insieme alla garanzia di liquidità corrente con un prestito ponte per 320 milioni da parte dell'esecutivo. Lo spiraglio sulla trattativa resta comunque quindi aperto. Ma tempo e condizioni sono da vedere. "I soci, ovviamente, tra di loro possono sempre discutere, confrontarsi e raggiungere eventualmente un'intesa", diceva stamane il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, rimarcando che l'obiettivo restava quello di salvaguardare la continuità produttiva. "Abbiamo doverosamente attivato le procedure, vista la situazione in campo", affermava ancora il ministro. Procedure che potrebbero portare all'amministrazione straordinaria nell'arco di un paio di settimane. Si tratta ora di capire se è possibile arrivare ad un'intesa in extremis visto che Am a questo punto dice: "Siamo disponibili a rimanere come partner strategico di minoranza che fornisca esperienza tecnica e industriale per la joint venture con lnvitalia mentre il Governo decide una soluzione permanente per questo asset strategico di interesse nazionale". Mittal è dunque pronta: "accettiamo di essere diluiti al rango di azionisti di minoranza (e perdere il controllo congiunto e qualunque potere di veto o casting vote, ovvero voto decisivo)". Insomma Mittal lascia tutte le porte aperte compresa quella di un'eventuale cessione della partecipazione ad un investitore che indicherà il governo - ma specifica - "ad un prezzo almeno pari al nostro ultimo investimento". Attualmente Acciaierie d'Italia Holding è detenuta al 38% da Invitalia e al 62% da ArcelorMittal. Il fattore temporale è dirimente. "Non possiamo perdere tempo perché la situazione è davvero grave", sostiene Urso. "Abbiamo il dovere" di intervenire - rimarca - anche per far ripartire da subito la manutenzione degli impianti, e garantire la sicurezza dei lavoratori. Insieme ai posti di lavoro. Sia quelli diretti che dell'indotto, considerando che si parla di circa 20mila lavoratori coinvolti. Presto sarà aperto al ministero del Lavoro un tavolo sul ricorso alla cassa integrazione. Dall'altra parte, tra i sindacati, il numero uno della Cgil, Maurizio Landini, attacca sostenendo che "si sono persi 12 anni": la vicenda ex Ilva "va avanti dal 2012 e da allora diciamo che c'è bisogno di un intervento diretto dello Stato". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza