Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ex Ilva, Urso: 'Iniziate interlocuzioni con altri privati, impegnati a salvare la siderurgia'

Ex Ilva, Urso: 'Iniziate interlocuzioni con altri privati, impegnati a salvare la siderurgia'

La protesta dell'indotto, corteo e blocchi stradali. Iniziativa di Aigi a Taranto, risposte su crediti per 120 milioni

TARANTO, 19 gennaio 2024, 19:01

Redazione ANSA

ANSACheck

Protesta l 'indotto ex Ilva, corteo e blocchi stradali - RIPRODUZIONE RISERVATA

Protesta l 'indotto ex Ilva, corteo e blocchi stradali -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Protesta l 'indotto ex Ilva, corteo e blocchi stradali - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per l'ex Ilva di Taranto "le interlocuzioni" con altri privati "sono già iniziate": lo ha detto a Potenza il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso. "Lo Stato - ha aggiunto - è impegnato a salvare la siderurgia italiana e quindi a salvare il polo siderurgico di Taranto"

Intanto oggi a Taranto ha alzato il livello della protesta l'associazione Aigi, a cui aderisce l'80% delle imprese che lavorano con l'ex Ilva di Taranto, che invoca garanzie sul pagamento dei crediti maturati dalle imprese, 120 milioni di euro, temendo che possano svanire con il ricorso all'amministrazione straordinaria. Dalla portineria C dello stabilimento, dove era in corso un presidio dalle 5.30, è partito un corteo, "con lavoratori e mezzi", che si dirige verso la città e che ha comportato, a quanto si è appreso, temporanei blocchi stradali e rallentamenti al traffico sulla statale 106 ionica e sulla statale Appia.

Già ieri l'associazione aveva avviato la mobilitazione con la sospensione ad oltranza delle attività, garantendo esclusivamente le prestazioni attinenti la sicurezza degli impianti, e sit-in davanti alle portinerie. Aigi chiede il pagamento di tutte le fatture emesse al 31 dicembre 2023 e l'esposizione di un "credibile piano industriale" che garantisca la continuità produttiva. La nuova protesta è scattata nonostante il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso abbia convocato per oggi alle 13, in videoconferenza, le associazioni rappresentanti delle aziende fornitrici e dell'indotto di Acciaierie d'Italia, per un aggiornamento sulla situazione dell'ex Ilva e in relazione ai provvedimenti recentemente assunti dal governo. Alla riunione parteciperà anche il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone. L'intenzione del governo, secondo quanto emerso dal vertice di ieri con i sindacati, è quella di procedere a un commissariamento temporaneo per chiudere l'esperienza con la multinazionale, cercando i migliori partner privati per difendere continuità produttiva, occupazione e sicurezza dei lavoratori.
   

Decreto sull'ex Ilva in Gazzetta, l'esame parte dal Senato

Partirà dal Senato, a quanto si apprende, l'esame del decreto legge con disposizioni urgenti in materia di amministrazione straordinaria delle imprese di carattere strategico, varato martedì dal Consiglio dei ministri. Il provvedimento - pubblicato nella serata di ieri in Gazzetta ufficiale - rafforza, in caso di ricorso all'amministrazione straordinaria, le misure già presenti nell'ordinamento a tutela della continuità produttiva e occupazionale delle aziende in crisi, fra cui l'ex Ilva, e prevede garanzie di cassa integrazione straordinaria durante l'eventuale amministrazione straordinaria. Il decreto prepara la strada per l'utilizzo della norma nell'ambito del confronto con ArcelorMittal sull'ex Ilva (Acciaierie d'Italia).

L'Ue: "Sarà l'Italia a dover valutare la notifica del prestito per l'ex Ilva"

"Spetta a uno Stato membro valutare se una misura specifica comporta aiuti di Stato e se costituisce un aiuto di Stato ai sensi del diritto dell'Ue deve essere quindi notificata alla Commissione per la valutazione preventiva di qualsiasi concessione di aiuti". Lo ha detto una portavoce della Commissione europea, interpellata sull'ipotesi che l'Italia conceda un prestito ponte per l'ex Ilva qualora sia avviata la procedura di amministrazione straordinaria.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza