Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lesioni al midollo spinale, un ponte digitale recupera uso arti

Lesioni al midollo spinale, un ponte digitale recupera uso arti

Progetto di ricerca italo-svizzero 'Brain Spine Interface'

VERDUNO (CUNEO), 29 febbraio 2024, 19:28

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Piemonte e la Svizzera hanno unito le forze nella sfida per restituire il controllo volontario delle mani e delle braccia ai pazienti con lesioni al midollo spinale attraverso la creazione di una sorta di ponte digitale tra il cervello e il midollo spinale dei pazienti lesionati. Il frutto di questa collaborazione è il progetto di ricerca quinquennale Brain Spine Interface, presentato oggi nel nuovo ospedale di Verduno, nel Cuneese, alla presenza del governatore del Piemonte Alberto Cirio.
    Coinvolge l'Università di Losanna e il Centre Hospitalier Universitaire con il sostegno della Fondazione Crt, che ha messo in campo 750mila euro, in collaborazione con la Fondazione Ospedale Alba-Bra. La ricerca ha già prodotto risultati sul movimento delle gambe, controllato direttamente dal cervello del paziente, nel quale viene impiantato un meccanismo wireless in grado di stimolare elettricamente il midollo e di conseguenza i muscoli. Lo stesso principio verrà applicato ora al movimento degli arti superiori. La ricerca si innesta sul successo ottenuto da due neuroscienziati dell'Università di Losanna, i professori Jocelyne Bloch e Grégoire Courtine.
    "Vedere i risultati di questa ricerca - ha detto Cirio - mi ha colpito ed emozionato profondamente. E' giusto imparare da chi è più bravo, in una logica non di invidia ma di condivisione. Se qualcuno fa le cose meglio, venga a farle con noi: questa è la logica alla base di questo progetto, che aveva bisogno di risorse e le ha trovate in Piemonte".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza