/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Picchiato sul campo di calcetto per fallo di gioco,4 denunce

Picchiato sul campo di calcetto per fallo di gioco,4 denunce

Carabinieri Ancona, giovani segnalati per lesioni e minaccia

ANCONA, 26 marzo 2023, 16:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

   Una domenica di calcetto tra amici ad Ancona si era trasformata in una 'caccia all'uomo' la sera del 5 febbraio scorso. Durante la partita, a seguito di un duro fallo di gioco, un 28enne era stato picchiato da quattro avversari che avevano reagito duramente colpendolo con un calcio al volto e procurandogli una grave tumefazione ad un occhio. Per il fatto, avvenuto nell'area sportiva di Via Sacco e Vanzetti, i carabinieri hanno denunciato, in stato di libertà quattro giovani tra i 20 e i 25 anni, per concorso in lesioni personali e minaccia aggravata.
    La tensione durante la partita tra amici era aumentata per il risultato che non si sbloccava, fino ad un contrasto particolarmente duro che aveva scatenato la violenza in campo: a farne le spese un 28enne anconetano che aveva riportato lesioni giudicate guaribili in 27 giorni e che aveva sporto denuncia. I militari della Stazione di Brecce Bianche, grazie alle indagini, hanno ricostruito l'accaduto, identificando infine i presunti responsabili. L'aggressione sarebbe stata una ritorsione dopo un fallo di gioco subito da uno di loro: si era innescato un violento parapiglia, con i compagni di squadra dell'aggredito che, senza successo, avevano tentato di placare gli animi. Il 28enne, sanguinante e dolorante per i colpi subiti in campo, aveva dovuto barricarsi dentro uno spogliatoio per sottrarsi alla voglia di vendetta dei quattro giovani che, nel frattempo, erano pure riusciti a procurarsi una spranga in acciaio per proseguire l'azione violenta. Quando i quattro si erano resi contro che erano stati allertati i carabinieri, si erano dati alla fuga; ma i militari non hanno impiegato molto a ricomporre i dettagli della vicenda, a risalire alle loro generalità e a denunciarli alla Procura.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza