Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Migranti salgono sul tetto del Cpr nel goriziano, 4 in fuga

Migranti salgono sul tetto del Cpr nel goriziano, 4 in fuga

Una persona è caduta procurandosi una ferita al piede

TRIESTE, 24 febbraio 2024, 19:49

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una decina di migranti, trattenuti nel Centro di permanenza per i rimpatri di Gradisca d'Isonzo (Gorizia), sono riusciti a salire sul tetto della struttura in un tentativo di fuga. Quattro persone sono riuscite ad allontanarsi, mentre una è caduta procurandosi una distorsione all'arto inferiore.
    L'episodio, come conferma il questore di Gorizia, Luigi Di Ruscio, risale a oggi pomeriggio.
    Salendo sul tetto dell'ex caserma Polonio, edificio che oggi ospita il Cpr, i migranti volevano presumibilmente raggiungere il muro di cinta per scavalcarlo. I quattro che sono riusciti a fuggire sono ricercati.
    A inizio mese un'altra persona era precipitata dal tetto della struttura mentre stava partecipando a una protesta insieme con altri migranti, rimanendo gravemente ferita. Durante quella protesta erano stati stati incendiati materassi nelle camerate della cosiddetta zona verde; poi alcuni migranti avevano raggiunto il tetto del Cpr. Nei giorni successivi la struttura era stata bonificata su disposizione della questura di Gorizia, per scongiurare l'eventualità che le persone trattenute all'interno potessero procurarsi materiale potenzialmente pericoloso per la loro incolumità o per la sicurezza della struttura.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza