Michel ai 27 leader Ue, coordinamento sulle iniziative per lo sblocco del grano

'unità nostra forza, ancora pressioni su Mosca' 

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Nel corso del nostro incontro, discuteremo di modi concreti per aiutare l'Ucraina ad esportare i suoi prodotti agricoli utilizzando le infrastrutture dell'Ue: vedremo anche come coordinare meglio le iniziative multilaterali in questo senso". Lo si legge nella lettera inviata dal presidente del Consiglio Europeo Charles Michel ai 27 leader in vista del consiglio di settimana prossima.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il presidente dell'Unione Africana Macky Sall interverranno al prossimo Consiglio Europeo, in videoconferenza, nelle sessioni che si occuperanno di Ucraina e di sicurezza alimentare, ha inoltre comunicato Michel.

"Torneremo sulla questione dell'energia - ha sottolineato il presidente del Consiglio Ue -, compresi i prezzi elevati che stanno colpendo duramente le nostre famiglie e le nostre imprese. Dobbiamo accelerare la nostra transizione energetica se vogliamo eliminare al più presto la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi. Sulla base delle decisioni prese a Versailles, discuteremo i modi migliori per portare avanti il lavoro".

"L'Ucraina sta dimostrando un incredibile coraggio e dignità di fronte all'aggressione e alle atrocità russe. Fin dal primo giorno, il nostro sostegno umanitario, finanziario, militare e politico al popolo ucraino e alla sua leadership è stato incrollabile. Continueremo a fare pressione sulla Russia. La nostra unità è sempre stata la nostra risorsa più forte. Rimane il nostro principio guida", ha scritto nella lettera Michel. "Una delle nostre preoccupazioni più urgenti è assistere lo Stato ucraino, insieme ai nostri partner internazionali, nel suo bisogno di liquidità. Discuteremo anche il modo migliore per organizzare il nostro sostegno alla ricostruzione dell'Ucraina, poiché sarà necessario un grande sforzo globale per ricostruire il Paese", ha concluso.

 "L'Ucraina sta dimostrando un incredibile coraggio e dignità di fronte all'aggressione e alle atrocità russe. Fin dal primo giorno, il nostro sostegno umanitario, finanziario, militare e politico al popolo ucraino e alla sua leadership è stato incrollabile. Continueremo a fare pressione sulla Russia. La nostra unità è sempre stata la nostra risorsa più forte. Rimane il nostro principio guida". Lo scrive il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel nella lettera d'invito ai 27 leader. "Una delle nostre preoccupazioni più urgenti è assistere lo Stato ucraino, insieme ai nostri partner internazionali, nel suo bisogno di liquidità. Discuteremo anche il modo migliore per organizzare il nostro sostegno alla ricostruzione dell'Ucraina, poiché sarà necessario un grande sforzo globale per ricostruire il Paese". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: