Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Puglia al top per la spesa dei fondi Ue

Speso il 98% delle risorse, un'eccezione nel Mezzogiorno

Redazione ANSA

BRUXELLES - La Puglia è al top della classifica regionale italiana per la spesa dei fondi strutturali della politica di coesione dell'Ue. E' quanto emerge da un'analisi dei dati pubblicati sul portale Cohesion Data della Commissione europea, che coprono l'andamento delle allocazioni fino al 31 dicembre 2022. Alla fine dell'anno scorso, la spesa certificata della Regione e rimborsata a Bruxelles era pari a circa 4,3 miliardi su 4,4 del fondo nel periodo di programmazione 2014-2020, che nel caso della Puglia unisce sia il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), sia Fondo sociale europeo (Fse).

Restano quindi da spendere e rendicondare entro la fine dell'anno circa 100 milioni di euro, per non rischiare di perdere le risorse. Il caso della Puglia rappresenta un'eccezione rispetto alla storica difficoltà del Meridione di assorbire le risorse, anche perché anch'essa - come Calabria e Sicilia - è destinataria di uno dei più alti importi di risorse strutturali. Dai dati esaminati emerge inoltre che le regioni hanno speso in media il 75% (circa 25 miliardi di euro) delle risorse Ue, mentre i programmi nazionali si sono fermati al 43% (circa 13 miliardi).

Per questi ultimi la situazione appare particolarmente critica poichè restano ancora da spendere oltre 10 miliardi entro la fine dell'anno per scongiurare il rischio di dover rinunciare per sempre a fondi sempre più preziose alla luce delle ristrettezze che si stanno profilando per il bilancio nazionale anche a causa del ripristino delle regole Ue sui conti pubblici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie