Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Da Bologna un tavolo per riconoscere il diritto al cibo

Da Bologna un tavolo per riconoscere il diritto al cibo

Segré: 'Produttori non coprono i costi e consumatori sprecano'

BOLOGNA, 27 febbraio 2024, 14:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Bologna in prima linea per la sicurezza alimentare: il Comune e la Città metropolitana hanno varato la Politica alimentare urbana e metropolitana (Paum), con l'obiettivo di rendere accessibile a tutte le persone un'alimentazione sana, equa, sostenibile e appropriata. Lo ha presentato in Comune l'assessore all'Agricoltura e Agroalimentare, Daniele Ara. Il 5 marzo sarà pubblicato online un avviso pubblico per costruire "il tavolo della democrazia alimentare - ha detto - rivolto non solo ai produttori ma anche ad associazioni e corpi intermedi che hanno a che fare con il cibo, per dire che dalle città parte una nuova idea di consumi sostenibili che sono traino di un nuovo modello di agricoltura".
    "Bologna fa un ulteriore passo avanti - aggiunge Ara - e grazie all'esperienza di Last Minute Market e tante altre, pone il tema del diritto al cibo di qualità che deve essere alla portata di tutti. Noi siamo anche la città di Caritas, Antoniano e Cucine Popolari e di un grande movimento solidaristico che si collega con il tessuto produttivo e si collega con i servizi sociali per dare dignità alle persone - conclude - Questo è uno dei tasselli importanti della nostra politica del cibo".
    "C'è una tensione molto forte a livello agricolo e alimentare", spiega il professor Andrea Segré, consigliere speciale del sindaco per le politiche alimentari urbane e metropolitane. "Da una parte gli agricoltori stanno protestando perché non riescono a coprire i costi di produzione e dall'altra i consumatori sprecano, e anche tanto. Secondo il nostro osservatorio per l'Italia nel 2023 ci sono stati sprechi per circa 7 miliardi di euro - prosegue - mentre i più poveri consumano meno ma peggio". Per Segré, quindi, "il tavolo della democrazia alimentare avrà il compito di scrivere un manifesto del diritto al cibo, già contenuta nella Dichiarazione universale dei diritti umani, che vorremmo che Bologna riconoscesse".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza