Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Seta e Start si fondono con Tper, big trasporti in Emilia-Romagna

Seta e Start si fondono con Tper, big trasporti in Emilia-Romagna

Una holding regionale in vista delle gare Ue del 2026

BOLOGNA, 23 febbraio 2024, 11:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Emilia-Romagna ha il suo colosso del trasporto pubblico locale, una holding che terrà insieme le società Seta, Start e Tper: l'operazione, che punta a fare aggregazione in vista delle gare di affidamento europee nel 2026, è partita con l'approvazione il 12 febbraio di un'apposita delibera da parte della Giunta guidata da Stefano Bonaccini. Una delibera - riporta la stampa locale - che dà mandato all'assessore regionale alla mobilità e trasporti Andrea Corsini a sottoscrivere il protocollo d'intesa per la costituzione del Gruppo industriale del Tpl, di durata biennale. Il grande player regionale - da cui resta esclusa Tep Parma - avrebbe un fatturato da mezzo miliardo secondo ai big Atm (Milano) e Atac (Roma).

"Sordina? No - spiega Corsini al Resto del Carlino - Sono anni che ne parliamo in ogni occasione. E lo abbiamo già messo nero su bianco nel Patto per trasporto pubblico 2018-20. Il modello è, come Fer, una grande società pubblica, con importanti capacità industriali ed organizzative, con volumi economici diversi dagli attuali, e che possa preservare la sostenibilità del sistema locale. Il sottofinanziamento del Tpl, l'aumento dei costi energetici, il mancato riconoscimento dell'inflazione da parte del Governo rischiano di portare al collasso. La holding potrà attuare una serie di razionalizzazioni; avrà la possibilità di accedere alle obbligazioni e al credito bancario per poter finanziare gli importanti investimenti necessari".

Ora la delibera dovrà passare in tutti i Comuni e le Province soci di Seta (Reggio, Modena e Piacenza), Tper (Bologna e Ferrara) e Start (Rimini, Forlì, Cesena, Ravenna). Due gli step principali dell'iter amministrativo-burocratico, la scissione mediante scorporo delle Sot (società operative territoriali) nel corso della prima fase e la conseguente fusione delle società Seta e Start in Tper nell'ambito della seconda fase.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza