Un marmo Elgin 'clonato' va in mostra a Londra

Storia di ossessione e possesso al Freud Museum, dopo no British

di Alessandra Baldini NEW YORK

L'Institute of Digital Archaeology torna alla carica con i fregi del Partenone. Dopo averla offerta al British, che l'ha rifiutata, l'organizzazione fondata dall'americano Roger Michel ha esposto al Freud Museum di Londra la versione in marmo pentelico di uno dei rilievi 'clonato' a Carrara. L'installazione, inaugurata il 1 novembre nella casa-museo di Hampstead del padre della psicanalisi, precederà due mostre che il prossimo anno esploreranno la figura di Sigmund Freud come collezionista di antichità e poi la sua esplorazione personale dell'Acropoli nel 1904. Il frammento esposto a Londra è quello del Cavallo di Selene riprodotto nei minimi dettagli da un robot della TorArt, l'azienda high tech di Carrara che ha 'clonato', sempre per conto dell'Ida, l'Arco di Palmira distrutto nel 2015 dall'Isis.

Tor Art si è basata sulle scannerizzazioni 3D realizzate al British dall'Institute of Digital Archaeology. Il museo britannico aveva rifiutato all'Ida l'autorizzazione a effettuare le scannerizzazioni, ma Michel e una sua collaboratrice erano andati avanti egualmente con la complicità degli addetti alla sorveglianza delle gallerie usando IPad e IPhone di ultima generazione. Gli scan hanno accompagnato il cavallo di Selene al Freud Museum mentre si parla di una nuova tappa al Louvre, magari assieme a un altro frammento dei rilievi, una metopa con un combattimento tra Centauri e Lapiti, realizzato anche quello nella sede della TorArt a Carrara. Reclamati dalla Grecia, i fregi del Partenone sono al British Museum dal 1817. Per il Freud Museum, l'ingresso nella disputa non e' priva di significato: "La custodia da parte della Gran Bretagna dei rilievi incarna una storia psicologicamente complessa di ossessione, possesso e assimilazione che finora non ha trovato soluzione. Forse queste copie perfette, realizzate nel sacro marmo pentelico, offriranno una via d'uscita?", scrive il museo sulla sua pagina online. I marmi furono smontati e portati in Gran Bretagna, con la scusa di salvarli dalla distruzione, da un nobile scozzese, l'allora inviato alla corte di Costantinopoli Thomas Bruce, settimo conte di Elgin. La Grecia moderna da anni ne reclama la restituzione e, secondo Michel, le trattative stanno facendo passi avanti: "Un'intesa molto ragionevole è in discussione e il negoziato va avanti a tappe forzate con l'idea di chiudere prima delle elezioni greche nel 2023", ha detto il direttore dell'Ida al giornale scozzese 'The National'. "La verità è che il British dovrà restituire un sacco di cose", ha proseguito Michel: "Ed è bello pensare che una disputa che fa avanti da 200 anni possa esser risolta con l'aiuto della tecnologia". 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie