Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al museo dell'emigrazione una sezione per i "Cervelli in fuga"

Al museo dell'emigrazione una sezione per i "Cervelli in fuga"

Inaugurata al Mei di Genova grazie a un accordo con la Rai

GENOVA, 22 giugno 2023, 19:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

GENOVA - Ci sono i numeri delle persone che hanno lasciato l'Italia, circa 100mila all'anno, il 42% ha tra i 18 e i 34 anni e 15mila sono ricercatori e insegnanti universitari: un quarto del corpo docente italiano, infatti, lavora in università straniere. È questo lo spirito della sezione 'Cervelli in rete', i racconti di emigrazione di Rai Italia, che arricchisce il Mei, il Museo Nazionale dell'Emigrazione Italiana di Genova. Una sezione che contiene anche le interviste a chi si è affermato all'estero e che scaturisce da un protocollo d'intesa tra Rai e Mei per promuovere iniziative di carattere divulgativo e utile a favorire la conoscenza della storia delle migrazioni. "Un accordo - spiega il presidente della Fondazione del Museo dell'emigrazione Paolo Masini - che intende cogliere appieno le opportunità che "il sistema Paese" ci offre. Il Mei vuole essere la casa dei tanti italiani all'estero, del passato e del presente, e il luogo in cui si parla del contributo portato dai nostri connazionali nel mondo".
    "Raccontiamo l'Italia nel mondo - aggiunge Fabrizio Ferragni, Direttore dell'Offerta Estero della Rai - e lo facciamo con unicità e qualità, con prodotti esclusivi capaci di una narrazione esclusiva. Al Mei si potrà riflettere sulle storie di chi è emerso lontano dall'Italia e, al tempo stesso, il museo sarà un volano per il cosiddetto 'turismo di ritorno'".
    Il Mei "permetterà di diffondere le storie che conserva tra le sue mura e le numerose attività ad esso collegate: una nuova occasione per portare in alto il nome di Genova e attrarre sempre più visitatori e turisti", spiega il sindaco Marco Bucci.
    La nuova sezione è un potenziamento dell'offera che permette al museo di crescere. "Come Regione sosteniamo questo presidio culturale - sottolinea il presidente e assessore alla Cultura Giovanni Toti - in grado di offrire un prezioso spaccato sulla storia di Genova e dell'Italia ma capace di guardare al futuro con nuove forme di divulgazione culturale, sempre più multimediali e digitali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza