Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Viaggio in Dakota del nord, la terra amata da Theodore Roosevelt

Viaggio in Dakota del nord, la terra amata da Theodore Roosevelt

Da parchi al Wild West nello stato che ispirò i pionieri moderni

DAKOTA DEL NORD, 13 novembre 2023, 16:49

di Gina Di Meo

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra distese a perdita d'occhio di campi di grano e di girasole si trova la terra che ispirò i pionieri moderni e fu tanto amata dal presidente americano Theodore Roosevelt. E' il Dakota del Nord, lo stato che, con le sue bellezze naturali, ricucì le ferite di un allora deputato dello stato di New York devastato dal dolore sia per la perdita della moglie Alice Hathaway Lee che della madre, entrambe morte a poche ore di distanza. Qui, tra la natura selvaggia, riscoprì la sua passione politica e cominciò a costruire il percorso che lo avrebbe portato alla Casa Bianca. "Ho sempre detto - dichiarò - che non sarei diventato presidente senza la mia esperienza in Dakota del Nord. E' qui che ebbe inizio il romanzo della mia vita".
    Oggi, lo stato onora colui che fu il 26/o presidente americano con il Theodore Roosevelt National Park. Si tratta del primo e unico parco nazionale commemorativo mai stabilito e si estende in tre sezioni, North Unit, la South Unit e la Elkorn Ranch Unit per una superficie totale di 285 kmq. Nella South Unit si trova Medora, con poco più di 120 abitanti, tuttavia considerata una sorta di capitale del turismo in Dakota del nord. Medora è un'autentica città del West, dove il tempo si è fermato all'epoca dei pionieri e dove tutto, dall'architettura alle strade, sembra un set cinematografico uscito dalla fantasia di Sergio Leone. Nonostante le dimensioni, la cittadina ha una Hall of Fame dedicata alla storia dei cowboy del Dakota del Nord e un festival, il Medora Musical, che si svolge ogni estate e ribattezzato, 'the greatest show in the west', dedicato alla musica country western. Nell'ambito del festival c'è un'altra esperienza unica, 'pitchfork fondue', fondue con il forcone, per un'abbuffata di carne indimenticabile.
    Un'altra attrazione turistica in stile 'wild west' è Bonanzaville, non lontano da Fargo, un museo di storia vivente che con circa una quarantina di edifici riproduce un Villaggio di Pionieri durante il boom dell'agricoltura nel 19/o secolo.
    Sempre alle porte di Fargo, ci sono altri due luoghi che rappresentano la tipicità dello stato, 'The woodchipper' al Fargo-Moorhead Visitors Center e il National Buffalo Museum a Jamestown. Il primo è un tuffo nella scena famosa del film del 1996 dei fratelli Coen, 'Fargo', in particolare quella della cippatrice, con cui Gaear che si sbarazza del cadavere di Carl. Al National Buffalo Museum c'è tutto sulla vita dei bisonti americani, compreso una scultura mastodontica di appunto un bisonte alta 8 m e lunga 14. Pesa di 60 tonnellate.
    La capitale dello stato è Bismarck dove, oltre al Fort Abraham Lincoln State Park, il parco più antico dello stato, si trova il North Dakota Heritage Center and State Museum, che, dal calco dello scheletro di un tirannosauro a grandezza naturale a migliaia di oggetti e prototipi, riconduce e ripercorre le origini del Dakota del Nord a ben 600 milioni di anni fa.
    E lo stato è anche terra di nativi d'America. Tra New Town, Minot, Belcourt e Pembina è un viaggio alla scoperta delle tradizioni delle diverse tribù. Al Turtle Mountain Chippewa Heritage Center, una struttura circolare, all'interno di una Medicine Wheel, simbolo spirituale dei nativi d'America, viene preservata e promossa la storia, la lingua e la cultura degli Ojibwe, chiamati anche impropriamente Chippewa. 'Accoccolata', tra le Turtle Mountains, c'è un altro spettacolo paesaggistico, l'international Peace Garden, il giardino che unisce due nazioni in nome della pace. Si trova infatti letteralmente a cavallo di Canada e Stati Uniti e per visitarlo occorre avere con se' un passaporto. Una volta all'interno è d'obbligo 'perdersi' tra foreste, prati, giardini fioriti che sono una meraviglia di colori. Il giardino, a cui il Dakota del Nord deve l'appellativo di Peace Garden State, fu istituito nel 1932 per celebrare la pace fra le due nazioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza