Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

ChatGpt compie un anno, continua la saga di OpenAI

ChatGpt compie un anno, continua la saga di OpenAI

Microsoft sarà osservatore nel Cda senza diritto di voto

ROMA, 30 novembre 2023, 16:28

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Compie un anno ChatGpt, il software che tra luci e ombre ha dato una spinta decisa al settore dell'intelligenza artificiale. "Un anno fa probabilmente eravamo seduti in ufficio a dare gli ultimi ritocchi prima del lancio. Che anno è stato...", scrive su X Sam Altman, Ceo della società, ricordando il 30 novembre del 2022.

A soli due mesi dal lancio, nel gennaio del 2023, la piattaforma aveva raggiunto 100 milioni di utenti attivi settimanali diventando così l'applicazione con la crescita più rapida nella storia di internet.

L'anniversario arriva nel momento più concitato della società che lo ha lanciato, OpenAI, che si è resa protagonista di una delle saghe più folli della Silicon Valley. Sam Altman, due settimane fa è stato inaspettatamente licenziato poi, dopo giorni di guerre interne e una lettera della maggioranza dei dipendenti che ha minacciato di andarsene se non fosse tornato, è stato reintegrato.

Nelle ultime ore si è aggiunto un altro capitolo alla vicenda. Microsoft, l'azienda che ha creduto per prima in ChatGpt con una iniezione di miliardi di dollari e che aveva offerto un posto al defenestrato Altman, avrà un ruolo di osservatore nel Cda di OpenAI senza diritto di voto. Satya Nadella, a capo di Microsoft, aveva detto nei giorni scorsi che la governace di OpenAI necessita di un cambiamento.

"Il tema della normazione dell'intelligenza artificiale era già urgente prima del 30 novembre 2022, ma è innegabile che la pubblicazione di ChatGpt abbia accelerato la presa di coscienza che una regolazione sia necessaria - spiega all'ANSA Ernesto Belisario, avvocato, esperto di diritto delle tecnologie e innovazione -. Le vicende delle ultime settimane di OpenAI fanno emergere la necessità di avere maggiore trasparenza su quello che accade all'interno di questi grandissimi operatori. Da un lato perché solo loro hanno informazioni indispensabili - come l'addestramento, gli incidenti e i controlli - per poter adottare norme adeguate; dall'altro lato perché è necessario ci sia trasparenza sui rischi per tenere al centro le libertà e i diritti delle persone, al di là degli interessi economici di questi operatori di mercato”.

 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza