Città europee più buie, è l'impatto della crisi energetica

Nella mappa ottenuta grazie alle foto scattate dalla Stazione Spaziale

Redazione ANSA
Le notti delle città europee si stanno facendo un po' più buie: sulla scia della crisi energetica, diversi centri urbani stanno spegnendo le luci su centinaia di monumenti e edifici pubblici. Lo mostra la prima mappa a colori dell’inquinamento luminoso in Europa, ottenuta grazie ad oltre un milione di foto scattate a partire dal 2003 dagli astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (Iss). La mappa, elaborata da ricercatori guidati dall’Università britannica di Exeter che hanno pubblicato il risultato sulla rivista Science Advances, mostra comunque, nell’ultimo decennio, un deciso aumento dell'inquinamento luminoso nelle aree urbane e uno spostamento verso emissioni più bianche e blu, dovuto alla diffusione delle lampadine a Led.
“Senza le foto scattate dagli astronauti procederemmo alla cieca per quanto riguarda l'impatto ambientale del passaggio alla tecnologia Led”, commenta Alejandro Sánchez de Miguel, alla guida dello studio. “Le immagini assomigliano alla scansione di un tumore, o ad una ragnatela fluorescente”.
In Italia e Regno Unito si è registrato un netto aumento dell'inquinamento luminoso: Milano è stata infatti la prima città in Europa a convertire completamente l'illuminazione stradale in Led bianchi. Altri paesi, invece, come Germania e Austria, mostrano un cambiamento meno drastico, ma entro la fine di questo decennio tutta l'Europa potrebbe apparire bianca dallo spazio. Belgio e Paesi Bassi, invece, spiccano ancora per il loro bagliore dorato, grazie all'uso diffuso di lampadine al sodio.
Secondo i ricercatori, la transizione verso le radiazioni luminose bianche e blu sta anche alterando i cicli notturni naturali in tutto il continente: “Quando accendiamo i lampioni, priviamo il nostro corpo dell'ormone della melatonina – spiega Sánchez de Miguel – e interrompiamo il nostro ritmo naturale del sonno”. Le luci più bianche, inoltre, hanno un impatto diretto sulla capacità di muoversi e reagire di diversi animali notturni, tra cui insetti e pipistrelli.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA