Scoperti dallo spazio oltre 50 siti ‘super-emettitori’ di metano

Grazie a un nuovo strumento a bordo della Stazione Spaziale

Redazione ANSA

Sono più di 50 i ‘super-emittori’ di metano, siti sparsi per tutto il pianeta, dal New Mexico all’Iran, da cui fuoriescono grandi quantità di metano e che sono stati identificati in poco più di 2 mesi di lavoro. “Il contenimento delle emissioni di metano è la chiave per limitare il riscaldamento globale. Questo nuovo entusiasmante sviluppo non solo aiuterà i ricercatori a individuare meglio da dove provengono le perdite di metano, ma fornirà anche informazioni su come affrontarle rapidamente", ha affermato in una nota l'amministratore generale della Nasa, Bill Nelson.

Messo in orbita per studiare in particolare le polveri sollevate dai deserti e le loro interazioni con i cambiamenti climatici, il nuovo strumento si sta rilevando un ottimo osservatori per fotografare con una precisione elevatissima le fuoriuscite di grandi quantità di metano dal terreno, un gas con un ruolo particolarmente rilevante nel riscaldamento del pianeta.

Tra gli oltre 50 siti ne sono stati identificati alcuni di particolarmente grandi, come il pennacchio lungo oltre 3 chilometri che fuoriesce da uno dei maggiori giacimenti petroliferi del mondo nel New Mexico, negli Usa, da cui fuoriescono circa 18mila chilogrammi di metano l’ora, ben 50mila da un analogo impianto in Turkmenistan, e 8.500 da un sito di trattamento rifiuti vicino Teheran, in Iran. Una mappatura che è solo agli inizi e che permetterà nei prossimi mesi di identificare centinaia di ulteriori siti anche “in luoghi in cui nessuno pensava di andare a cercare”, ha aggiunto Robert Green, responsabile scientifico di Emit. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA