Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I più antichi turisti spaziali

I più antichi turisti spaziali

Sono i fossili di due antenati dell'uomo, hanno volato con Virgin Galactic

13 settembre 2023, 13:46

Redazione ANSA

ANSACheck

I fossili hanno volato a bordo dello spazioplano VSS Unity (fonte: Virgin Galactic) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I fossili hanno volato a bordo dello spazioplano VSS Unity (fonte: Virgin Galactic) - RIPRODUZIONE RISERVATA
I fossili hanno volato a bordo dello spazioplano VSS Unity (fonte: Virgin Galactic) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Due antenati dell'uomo, un Australopithecus sediba di due milioni di anni e un Homo naledi di 250.000 anni, sono diventati i più antichi turisti spaziali: i loro fossili (rispettivamente una clavicola e un pollice) hanno volato a bordo della navetta della Virgin Galactic dello scorso 8 settembre, per onorare il contributo dato da tutti gli antenati dell'uomo al progresso tecnologico che ha portato fino all'odierna esplorazione spaziale.

I fossili, opportunamente protetti da uno speciale contenitore in fibra di carbonio, sono stati trasportati dall'astronauta sudafricano Timothy Nash a bordo dello spazioplano VSS Unity arrivando fino a un'altezza di 88,5 chilometri da Terra.

“Il viaggio di questi fossili nello spazio rappresenta l’apprezzamento da parte dell’umanità del contributo di tutti i suoi antenati e dei nostri antichi parenti", afferma Lee Berger, paleoantropologo dell'Università di Witwatersrand a Johannesburg (Sud Africa) che è stato direttamente coinvolto nella scoperta di entrambi i fossili. "Senza la loro invenzione di tecnologie come il fuoco e gli strumenti, e il loro contributo all’evoluzione della mente umana, imprese straordinarie come il volo spaziale non sarebbero avvenute”.

"Questi fossili - aggiunge il figlio Matthew Berger, che a soli nove anni nel 2008 scoprì la clavicola dell'australopiteco - rappresentano individui che vissero e morirono centinaia di migliaia di anni fa, ma erano individui che probabilmente guardavano le stelle con meraviglia, proprio come facciamo noi. Immagino che non avrebbero mai potuto sognare da vivi di intraprendere un viaggio così incredibile come ambasciatori di tutti gli antenati dell'umanità."

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza