Ferrari: podio storico e due vittorie alla 24 Ore di Spa

Le Iron Dames: Frey-Bovy-Gatting-Pin sono leggenda

Redazione ANSA ROMA

 Al termine di una intensa ed emozionante 24 Ore di Spa-Francorchamps, le cinque Ferrari 488 GT3 Evo 2020 impegnate nella grande classica delle Ardenne hanno ottenuto due successi e un podio. La Casa di Maranello è stata l'unica ad aver visto tutte le proprie vetture transitare sul traguardo nella gara di cartello del GT World Challenge Europe powered by AWS a cui hanno assistito oltre 73.000 spettatori.
    Dopo aver festeggiato il terzo posto ottenuto da Fuoco-Rigon-Serra in classe Pro, il pubblico belga ha applaudito il primo successo delle Iron Dames Frey-Bovy-Gatting-Pin nella Gold Cup e la vittoria nella Pro-Am del quartetto Bertolini-Machiels-Costantini-Rovera.
    Nella categoria Pro, le due Ferrari di Iron Lynx hanno disputato una gara costantemente nelle prime posizioni, ma nelle ultime ore di corsa i destini della numero 51 e della numero 71 si sono allontanati dalla possibilità di lottare per la vittoria. Per l'equipaggio della 488 GT3 Evo 2020 costituito da Antonio Fuoco, Davide Rigon e Daniel Serra, un drive through comminato per un'infrazione in fase di Full Course Yellow nel primo mattino e una sosta particolarmente lenta nelle fasi finali, ha consegnato ai tre il gradino più basso del podio, difeso dagli assalti della Mercedes numero 55 da Antonio Fuoco.
    L'equipaggio della numero 71, arrivato a Spa da leader nella graduatoria provvisoria, dopo aver tagliato il traguardo in seconda posizione alla sesta ora e in quarta alla dodicesima, ottengono comunque punti importanti per la classifica. Nona posizione per i compagni di squadra James Calado, Nicklas Nielsen e Miguel Molina. In testa alla corsa dopo sedici ore, i portacolori della numero 51 hanno visto vanificare ogni velleità di successo a causa di una foratura che ha costretto la 488 GT3 Evo 2020 ad una sosta problematica ai box a meno di due ore dal termine.
    Nella Gold Cup, storica affermazione per la Ferrari di Doriane Pin, Michelle Gatting, Rahel Frey e Sarah Bovy.
    Le Iron Dames hanno occupato la prima posizione dalla dodicesima ora in avanti, chiudendo la maratona belga al diciottesimo posto assoluto. Un risultato inseguito con determinazione e coraggio da quando il progetto partì ufficialmente nel 2019. In questa classe, settima posizione finale per la 488 GT3 Evo 2020 di AF Corse guidata da Hugo Delacour, Cedric Sbirrazzuoli, Alessandro Balzan e David Perel.
    Grande successo per la 488 GT3 Evo 2020 di AF Corse, nella Pro-Am Cup, conquistato da Andrea Bertolini, Louis Machiels, Stefano Costantini e Alessio Rovera. Con la pole position in tasca, la vettura è partita dalla pit-lane a causa di un problema riscontrato a pochi minuti dallo schieramento in griglia. Il quartetto si è prodotto in una splendida rimonta, impreziosita anche dal giro più veloce della corsa - in assoluto - ottenuto da Alessio Rovera. Per Andrea Bertolini, questo è il quinto successo nella classica belga, il terzo conquistato assieme a Louis Machiels.
    Le classifiche vedono nell'Endurance Cup: Marciello-Gounon-Juncadella su Mercedes, in vetta con 79 punti, 11 in più del terzetto Serra, Rigon e Fuoco. Nella Gold Cup, le Iron Dames si portano al comando a quota 67, mentre nella classe Pro-Am Bertolini, Machiels e Costantini riducono a otto le lunghezze di svantaggio dal leader solitario Dominik Baumann.
    Prossimo appuntamento, l'ottavo del GT World Challenge Europe powered by AWS, in Germania, ad Hockenheim, dal 2 al 4 settembre. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie