Design & Giardino

Vita di fattoria, il farm living che piace ai millennial

Orto, giardinaggio, mani sporche di terra sempre più importanti per lo stile di vita

Family With Chickens at Small Home Farm © Ansa
  • di A.M.
  • 09 maggio 2022
  • 08:16

Agricoltura e giardinaggio sono, tra l'altro, una delle tendenze 2022 legate al benessere. In Italia comincia ad essere un obiettivo chiave di nuove generazioni e all'estero è già un trend consolidato, accelerato da nuove consapevolezze sulla crisi ambientale, sulla voglia di vivere più a contatto con la natura mentre la pandemia resettando in tutti noi più o meno le prorità del vivere ha contribuito ad una nuova voglia di agricoltura. Viene definito 'farm livin', vita di fattoria.
Gli agrihood, dove una comunità intera urbana ruota attorno ad una grande fattoria rigenerativa, è una tendenza potente poichè sempre più persone ora cercano di vivere in comunità che offrono una vita propositiva, autosufficiente e che sceglie di coltivare il suolo senza sfruttarlo, per una agricoltura che dia origine ad un cibo sano e senza additivi nocivi alla sviluppo. Questo tipo di fattorie hanno dato origine persino ad un settore immobiliare: Venticinque anni fa, spostarsi a vivere vicino a un campo da golf era uno status symbol; abitazioni in quelle zone erano molto apprezzate per lo spazio verde e dei panorami. Ma i millennial non sono interessati più a quel tipo di quartiere ben curato. Nella cultura odierna, dove i giovani amano la cucina sana, i prodotti di fattoria a tavola, e condurre loro stessi una vita a contatto con la natura ecco che abitare vicino a fattorie accessibili o proprio in fattorie è una grande attrazione immobiliare.
Ci sono fattorie rigenerative persino nei resort di lusso e si costruiscono spazi di fattoria in nuovi complessi residenziali in tutto il mondo: nell'atto di definire un nuovo progetto abitativo viene considerato il tema terra, che sia giardino o orto, al pari di quella che una volta era la richiesta di palestra ad esempio.
Nei centri benessere la fattoria
sta diventando importante quanto la spa o i servizi per il fitness. Si comincia facento esperienze agricole, sporcandosi le mani con la terra, avendo dagli agricoltori residenti un training per diventare esperti. Nei resort l'esperienza della fattoria sta diventando un trend potente e attraente quasi quanto la cucina.
C'è voglia di sapere di più sull'agricoltura rigenerativa, ci sono tanti corsi online e persino l'agricoltura indoor per persone che vivono in piccole abitazioni in città continua a creare interesse essendo sempre più smart con piante che riescono a crescere con lampade artificiali, sistemi idroponici e autosufficienti grazie a tecnologia sempre più al servizio di giardinaggio indoor per avere pomodori, funghi, insalata in casa tutto l'anno e autocoltivata. Così come si comincia a vedere anche in qualche ufficio all'avanguardia grazie ad orti verticali in spazi comuni.
Infine, l'agricoltura è medicina: mentre celebriamo il Mese della Terra, dovremmo considerare la crescente ricerca sul potente, antico legame tra il suolo e i microbiomi umani : sappiamo ormai  su basi scientifiche come la nostra salute sia influenzata dai microbi del suolo che ingeriamo. Come attesa una recente ricerca della School of Medicine dell'UCLA riportata dal Wellness Institute.
Questo è probabilmente il motivo per cui l'esposizione al suolo ha un impatto positivo su tutto, dalla salute immunitaria all'umore. Qualcuno di voi ha sentito parlare dell'"effetto fattoria", la ricerca, come quella dell'Università di Helsinki, su come i bambini che crescono nelle aree agricole soffrono molto meno di allergie, asma e altri disturbi infiammatori / immunitari. Altri studi dimostrano che il batterio Mycobacterium vaccae aumenta la produzione di serotonina e riduce lo stress sia nelle persone che nei topi (con i ricercatori che ora studiano come sviluppare un "vaccino contro lo stress" da esso).

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie