Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenza donne, Centro 'accompagna' alla denuncia

Violenza donne, Centro 'accompagna' alla denuncia

"Ancora troppe vittime di dipendenza economica"

ERCOLANO (NAPOLI), 30 novembre 2023, 12:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Apprendiamo del caso di stalking ai danni di una donna molto giovane. La notizia ci rammarica e ci indigna, come tutte quelle che ogni giorno registriamo al nostro Centro anti violenza ma non ci sorprende perché le violenze hanno diverse forme: il reato di stalking è molto praticato e spesso è una violenza che si associa ad altre forme di violenza". A dirlo è Raffaella Ruocco amministratrice della cooperativa Proodos che gestisce il Centra anti violenza 'Annabella Cozzolino' di Ercolano (Napoli) a proposito dell'episodio che ha visto vittima di stalking una donna, il cui ex compagno oltre a vessarla con numerose telefonate anonime, minacciava di sfregiarla con l'acido.
    "Qui ci preoccupiamo di accogliere le donne che riescono a trovare quella fiducia nel servizio e nelle istituzioni, portando in condivisione il vissuto della loro violenza. Il Cav è un luogo di ascolto, di accoglienza in cui si cerca di costruire con la donna un percorso di rinascita fatto di un processo anche di autodeterminazione e ci piace definire il Cav come un laboratorio sociale, un luogo in cui si costruiscono progettualità e speranze nuove per le donne" spiega Ruocco "E quando le donne si rivolgono al Centro non sempre hanno già effettuato denuncia alle forze dell'ordine. Quindi, in questo percorso di accompagnamento c'è anche un percorso di 'avvicinamento alla denuncia'. Denuncia che spesso non avviene perché quasi tutte le donne vittime di violenza sono vittime di una violenza trasversale che è quella economica: la loro mancata indipendenza economica le inchioda molto spesso per anni in quella situazione di violenza. E' anche vero che un altro deterrente alla denuncia è la sensazione che la donna avverte di sentirsi di lasciarsi sola in un momento successivo alla denuncia che spesso comporta il ritorno a casa con l'uomo violento. E questo chiaramente le fa sentire sfiduciate e impaurite. Per cui questo è per loro un deterrente ed è per noi che rappresentiamo i servizi e le istituzioni, motivo di confronto sul fenomeno come rete territoriale antiviolenza.
    Tutti gli attori sono chiamati in causa nella presa in carico della donna". I servizi del Centro sono gratuiti e garantiti dalla privacy.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza