Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Legambiente, direttiva su crimini ambientali è passo importante

Legambiente, direttiva su crimini ambientali è passo importante

'Giornata importante, Italia sia il primo Paese a recepirla'

ROMA, 27 febbraio 2024, 16:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Oggi per l'ambiente è una gran bella giornata. La direttiva europea sui crimini ambientali approvata oggi dal Parlamento europeo contiene nuovi illeciti, a cominciare dalla definizione di eccidio, un inasprimento delle sanzioni, maggiori tutele per chi denuncia e, come proposto da Legambiente, l'impegno di facilitare l'accesso alla giustizia per le associazioni". Così Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, commenta il voto del Parlamento Ue. "Un passo importante a livello europeo - sottolinea - per il contrasto e la lotta alle illegalità ambientali che consentirà di rafforzare nel nostro Paese quanto già previsto dal 2015 grazie all'introduzione dei delitti contro l'ambiente nel Codice penale. Anche per questa ragione l'Italia può dare il buon esempio, diventando il primo Stato europeo a recepire la nuova direttiva".
    "Alla crescita della criminalità ambientale registrata a livello globale dall'Interpol e dall'Unep è urgente contrapporre, come sta finalmente facendo l'Europa adeguate strategie di contrasto", evidenzia la nota di Legambiente. "Una conferma arriva, per quanto riguarda l'Italia, dagli ultimi dati del rapporto Ecomafia: nel 2022 le forze dell'ordine e le Capitanerie di porto hanno applicato per 637 volte i delitti contro l'ambiente previsti dal Codice penale, portando alla denuncia di 1.289 persone e a 56 arresti. Sono stati 115 i beni sottoposti a sequestro - prosegue la nota - per un valore complessivo di 333.623.900 euro, in netta crescita rispetto ai 227 milioni di euro sequestrati l'anno prima. Il delitto più contestato è stato quello di traffico organizzato di rifiuti (art. 452 quaterdecies) con 268 casi contro i 151 nel 2021, previsto con pene adeguate anche nella nuova direttiva europea, seguito da quello di inquinamento ambientale (art. 452 bis) con 64 contestazioni. Dalla loro entrata in vigore a oggi, l'applicazione dei diversi ecoreati è scattata per 5.099 volte".
     
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza