Expo Dubai: decarbonizzazione opportunità per creare valore

Rapporto Global Compact Italia su sostenibilità delle aziende

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 19 GEN - La sostenibilità è un elemento imprescindibile per il settore privato, fondamentale non solo per fare meglio a livello economico o nell'attrazione di investimenti, ma soprattutto per garantire competitività e resilienza al business nel lungo periodo. E' uno dei principali risultati emersi dal position paper "Italian Business and Decarbonization: a just and inclusive transition", realizzato dall'Un Global Compact Network Italia e presentato oggi al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.
    Il rapporto è stato sviluppato del 2021 dallo Un Global Compact Network Italia con il supporto tecnico di Carbonsink, con l'obiettivo non solo di valorizzare le esperienze delle imprese italiane, ma anche di individuare le sfide e le opportunità che la decarbonizzazione pone e offre al settore privato. Hanno partecipato alla realizzazione del documento più di 30 aziende italiane provenienti dai settori più rappresentativi del tessuto imprenditoriale, che nel documento sono presentate come business-case di impegno nel contrasto al cambiamento climatico.
    "Le aziende italiane stanno portando avanti una importante e radicale trasformazione verso la sostenibilità, ma purtroppo non tutte, il che significa che dobbiamo lavorare molto per accelerare la transizione, l'impegno e anche per convincerle - in particolare le piccole e medie imprese - che non c'è alternativa", ha sottolineato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, intervenuto all'evento. "Se le politiche pubbliche sono coerenti con l'Accordo di Parigi e altri orientamenti dell'Ue, il modo in cui gare e progetti saranno portati avanti nei prossimi 10 anni sarà radicalmente diverso, e le aziende che saranno pronte a questo cambiamento avranno un'opportunità di business incredibile", ha sottolineato, spiegando come attraverso gli investimenti del Pnrr, il governo guarda alla sostenibilità "in modo olistico".
    "Questo importante paper rappresenta una forte collaborazione tra il Global Compact, la rete locale italiana e le società", ha sottolineato Sanda Ojiambo, direttrice esecutiva del Global Compact dell'Onu. "Alle Nazioni Unite sottolineiamo la necessità di decarbonizzare le economie e di spostare i sussidi per i combustibili fossili verso le energie rinnovabili, e a questo proposito il settore privato ha un ruolo molto importante".
    Le conclusioni del paper evidenziano la necessità di una forte partenariato tra pubblico e privato nel mobilitare risorse economiche verso la decarbonizzazione, a partire dall'elettrificazione e le energie rinnovabili. Importante inoltre il coinvolgimento di fornitori sostenibili e pmi nella strategia aziendale per diffondere una cultura per la sostenibilità. Infine, la necessità di creare condizioni esterne abilitanti per supportare la transizione dal punto di vista economico, normativo e culturale. In questo senso, "il Pnrr sarà un'opportunità chiave per una trasformazione vera, inclusiva e sostenibile", ha detto Marco Frey, presidente dell'Un Global Compact Network Italia.
    La presentazione del paper è stata l'occasione per alcune aziende italiane che hanno partecipato al documento di raccontare il loro impegno per la decarbonizzazione, attraverso gli interventi di Ernesto Ciorra, direttore Innovazione e Sostenibilità di Enel; Massimiliano Garri, direttore Innovation & Market Solutions del Gruppo Terna; Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma; Fabrizio Favara, chief strategy officer del Gruppo Ferrovie dello Stato; Renata Mele, senior vice president Sustainability, Chief Technology & Innovation Office di Leonardo; Ugo Salerno, ad di Rina; Andrea Maggiani, fondatore e ad di Carbonsink. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA