Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Togni (Anev), il decreto aree idonee blocca l'eolico

Togni (Anev), il decreto aree idonee blocca l'eolico

"Introduce ulteriore fascia di rispetto dalle aree vincolate"

RIMINI, 29 febbraio 2024, 13:47

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

La bozza di Decreto del Ministero dell'Ambiente sulle aree idonee per le fonti rinnovabili, ora all'esame della Conferenza delle Regioni, "per l'eolico non consente la realizzazione di impianti. Viene introdotta una fascia di rispetto da 3 a 7 km dai terreni soggetti a vincoli paesaggistici. Ma così non si riesce a trovare nessuna area sul territorio che risponda a quei criteri. La fascia di rispetto è un controsenso, è come dire che in autostrada metto un limite di velocità di 130 km all'ora, ma poi ti levo altri 40 km all'ora.
    Questo è quello che stanno facendo". Lo ha detto all'ANSA il presidente dell'Anev, l'associazione delle imprese dell'eolico, Simone Togni, alla fiera delle rinnovabili Key di Rimini.
    "Continuiamo a credere - ha proseguito Togni - che la soluzione ideale sia quella di definire delle aree non idonee, e in tutte le altre avere dei criteri che siano oggettivi e che consentano di realizzare gli obiettivi di fonti rinnovabili che il governo ha posto. Altrimenti cadiamo in una situazione kafkiana, nella quale abbiamo degli obiettivi nazionali vincolanti, e poi delle norme nazionali che vietano di realizzare gli impianti che gli obiettivi indicano. Serve una cabina di regia a livello di Presidenza del Consiglio, per mettere insieme questi due numeri".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza