Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Di Santo (Free), detrazioni e conto termico dopo Superbonus

Di Santo (Free), detrazioni e conto termico dopo Superbonus

"Per continuare a fare riqualificazione energetica sostenibile"

RIMINI, 29 febbraio 2024, 13:35

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Per continuare a fare riqualificazione energetica degli edifici in Italia dopo la fine del Superbonus al 110%, si possono usare "gli strumenti esistenti, le detrazioni fiscali e il conto termico, rimodulando le prime e aprendo il conto termico anche alla riqualificazione nel settore privato". Lo ha detto all'ANSA Dario Di Santo, vicepresidente del Coordinamento Free per la promozione delle rinnovabili e dell'efficienza energetica, alla fiera delle rinnovabili Key a Rimini.
    Per Di Santo occorre "mettere a disposizione delle linee dedicate a chi versa in condizioni di disagio economico, e non può sfruttare nessun incentivo, e cercare di superare la barriera finanziaria, ovvero il dover anticipare tutta la spesa da sostenere, con un nuovo schema che sia al contempo un fondo di garanzia e un fondo in conto interessi. L'idea è che il fondo di garanzia possa aiutare chi ha un merito creditizio più debole nel favorire il finanziamento bancario, e il conto interessi possa generare una forte leva, andando a coprire una parte degli interessi che sono cresciuti".
    "Ovviamente - ha proseguito Di Santo - ci piacerebbe che la cessione del credito potesse rimanere per i soggetti che hanno difficoltà comunque ad accedere a un finanziamento. Secondo noi, con le simulazioni che abbiamo fatto, è possibile mantenere uno zoccolo di ristrutturazioni, e poi far ripartire lo schema, con un uso di risorse molto più sostenibile del Superbonus e con il vantaggio di mettere in moto i capitali privati".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza